In 30 contro uno: identificata la baby gang che ha pestato un altro minorenne

Roma, in 30 contro uno: identificata la baby gang che ha pestato un altro minorenne

In trenta contro uno. Lo hanno pestato, anche dopo che era finito a terra. Poi gli hanno rubato un cappellino da baseball esibito sui social come un trofeo. Ora sono stati identificati i componenti della baby gang, dai 13 ai
17 anni, di ragazzini romani che sabato scorso nel quartiere San Giovanni sono stati autori del pestaggio di un minorenne che faceva parte di un gruppo di ragazzini col quale qualche ora prima ad una festa avevano litigato.

Leggi anche > Disabile rapinato e gettato in un fiume: fermati sette giovani, alcuni sono minorenni

Poi l'incontro in strada: il primo gruppo, formato da una trentina di giovani ha incrociato 5 ragazzi rivali. Quattro
di loro sono fuggiti mentre l'ultimo è rimasto lì a parlare. Poco dopo la discussione è degenerata. Il ragazzo rimasto solo è stato prima colpito con un pugno, poi, una volta caduto a terra, è stato colpito da almeno altre 3 persone. Gli aggressori, prima di fuggire, gli hanno anche rubato un berretto da baseball. I responsabili del pestaggio sono stati identificati dalla polizia.

Le immagini delle varie telecamere di videosorveglianza presenti nel quartiere, comparate con vari profili social, hanno permesso agli investigatori del commissariato San Giovanni di identificare i principali aggressori, tutti minorenni di età comprese tra i 13 ed i 17 anni. Il cappellino rapinato, poi ritrovato in strada, è stato esibito come trofeo da uno dei sospettati sul proprio profilo Instagram. I giovani sono stati segnalati all'Autorità Giudiziaria minorile e dovranno rispondere a vario titolo dei reati di rapina e lesioni personali.
Ultimo aggiornamento: Lunedì 20 Gennaio 2020, 20:22
© RIPRODUZIONE RISERVATA