Ritorno a scuola, ecco la stangata per le famiglie: tutti i rincari
di Lorena Loiacono

Ritorno a scuola, ecco la stangata per le famiglie: tutti i rincari

Rientro dalle vacanze decisamente salato per le famiglie italiane: ad attenderle una pesante stangata per il ritorno tra i banchi di scuola. Non riguarda tanto per il costo dei libri, in calo rispetto a un anno fa, quanto il corredo che, dallo zaino ai ricambi durante tutto l'anno, costerà mediamente per ogni ragazzo 522 euro.

Una spesa in costante aumento, che si alza di un ulteriore 0,7% rispetto a un anno fa: come una tassa fissa, di fine estate. A monitorare i costi del materiale scolastico è l'Osservatorio nazionale Federconsumatori che registra un aumento per il corredo scolastico da 518,00 euro dello scorso anno a 522,00 euro e ad aumentare maggiormente sono i diari e gli zaini. La voce di spesa più pesante resta comunque quella per i libri di testo, nonostante la flessione rispetto allo scorso anno: nel 2017 infatti mediamente, considerando le diverse classi dalle medie alle superiori per i libri compresi due dizionari si spenderanno 462 euro a ragazzo.

I costi aumentano per i ragazzi delle prime classi, in cui è necessario acquistare tutti i libri, compresi i dizionari: uno studente di prima media spenderà mediamente 429,11 euro a cui si aggiungono i 522 euro per il corredo scolastico, per un totale di oltre 950 euro. Un ragazzo di primo liceo spenderà invece per i libri di testo, compresi 4 dizionari, 688,83 euro, a cui si aggiunge però la spesa per il corredo scolastico ed i ricambi, per un totale di oltre 1.210 euro. «Cifre di questa portata dichiara Emilio Viafora, presidente di Federconsumatori - risultano proibitive per molte famiglie. È necessario potenziare le agevolazioni per l'acquisto dei testi scolastici destinate alle famiglie meno abbienti. E' inoltre opportuno che il ministero dell'istruzione avvii controlli rigidi sui tetti di spesa previsti per i libri, per evitare che vengano superati, con interventi mirati ad incentivare l'editoria elettronica». Intanto studenti e famiglie si organizzano con l'acquisto dei libri usati ma non solo. Da un sondaggio di Skuola.net, tra 3500 ragazzi di medie e superiori,emerge che il 55% vuole testi nuovi e nel 35% dei casi cerca le offerte soprattutto online.
Lunedì 4 Settembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 08:45
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2017-09-04 14:21:15
In più stati esteri i testi scolastici non si comprano... si scaricano le lezioni da siti internet della scuola/degli insegnanti... i 'testi cartacei' sono facoltativi... Iniziamo con quello... lo smartphone/il tablet non deve servire solo per divertirsi sui social...
DALLA HOME