Mare. Cinque spiagge segrete della Campania da non perdere
di Ilenia De Rosa

Mare. Cinque spiagge segrete della Campania da non perdere

  • 24
    share
Spiagge nascoste da imponenti rocce a picco sul mare. Sono piccoli angoli di paradiso, meno conosciuti al grande pubblico ma dalla bellezza senza fine. Eccone cinque.
 
Cala Monte di Luna – Marina di Camerota

E’ sovrastata dal monte che porta il suo stesso nome, ricca di calette e bagnata da un mare cristallino. La spiaggia Monte di Luna è stata chiamata così sia perché, osservandola dal paese, sembra che la luna sorga da questo monte, sia per la sagoma della luna che appare intagliata nella roccia. Tra le bellezze che la caratterizzano, le spettacolari e suggestive grotte.
 
Baia di Ieranto – Massa Lubrense

E’ un’insenatura rocciosa tra punta Campanella e punta Penna, situata di fronte ai faraglioni di Capri, nell’Area marina protetta di punta Campanella. Luogo di incontaminata bellezza, custodisce i profumi e i colori della costiera.
Il sentiero che da Nerano giunge alla suggestiva Baia di Ieranto mostra il volto più selvaggio e incantato del territorio, circondato da un mare splendido.
 
Spiaggia della Gavitella – Praiano

L’arenile è lungo solo trenta metri ma da qui si può godere di un’incantevole vista su Positano, le Isole de Li Galli e l’Isola di Capri. La spiaggia è baciata dal sole per tutta la giornata ed è bagnata da un’acqua cristallina. La discesa in spiaggia è caratterizzata da una singolare scalinata, composta da ben 413 gradini.
 
Baia del Buon dormire - Palinuro

Piccolo angolo di paradiso dove le rocce a strapiombo nel mare blu rendono il luogo particolarmente suggestivo. Il famoso scoglio del coniglio, che si erge di fronte alla caletta, è il marchio identificativo di una zona affascinante e ricca di grotte. Tra queste, la grotta azzurra, quella sulfurea, la grotta dei monaci e, in particolare, la grotta del sangue, caratterizzata da rocce rosse che riflettendosi nel mare donano all’acqua un colore rossastro.
 
Spiaggia di Atrani

Una parete rocciosa protegge il piccolo comune di Atrani e la sua piccola spiaggia di circa 130 metri. L’arenile è sabbioso, il mare limpido, il luogo particolarmente suggestivo. Vicoletti, cortili, piazzette, “scalinatelle”, abitazioni a dimensione di bambola, poste l’una sull’altra. E’ questo, infatti, lo scenario che caratterizza Atrani uno dei borghi più belli d’Italia: di sera, quando le luci sono accese, sembra di stare in un presepe vivente. 
Domenica 16 Luglio 2017 - Ultimo aggiornamento: 14:29
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
DALLA HOME