Il bacio furtivo di Travolta a Scarlett Johansson: 
​si scatenano i fotomontaggi sul web
di Federica Macagnone

Il bacio furtivo di Travolta a Scarlett Johansson:
si scatenano i fotomontaggi sul web

Neil Patrick Harris sarà anche stato il presentatore-padrone di casa della notte degli Oscar, ma quando la cerimonia non era nemmeno iniziata John Travolta gli aveva già rubato la scena. Con un semplice gesto furtivo e improvviso l'attore ha attirato tutta l'attenzione dei social piombando quatto quatto sul tappeto rosso alle spalle di Scarlett Johansson, baciandola sulla guancia e facendole scorrere la mano intorno alla vita.

Il "blitz" inaspettato e la reazione di Scarlett (espressione divertita? Imbarazzata? Infastidita? le scommesse sono aperte) sono stati catturati da un un solo clic della fotocamera. Il resto, come si dice, è storia.





Quello scatto ha infiammato il web e ha scatenato una corsa al fotomontaggio di John che bacia qualcuno: in queste ore ne circolano in Rete a bizzeffe. Dai baci al rapper Kanye West e alla Statua della libertà a quelli schioccati sulle guance di Putin e del leader nordcoreano Kim Jong-Un. Senza contare quella in cui il vicepresidente Usa, Joe Biden, si intrufola tra John e Scarlett dando vita a un trio, e quella in cui l'attore bacia se stesso vestito da donna nei panni di Edna Turnblad, il personaggio che interpretò nel musical Hairspray.



Nella notte degli Oscar, comunque, John Travolta è stato ancor più al centro dell'attenzione quando si è incontrato con la cantante Idina Menzel che lui accolse sul palco nella cerimonia dell'anno scorso sbagliandone goffamente il nome e presentandola come "Adele Dazeem", per poi passare tutto il tempo con lei a darle in continuazione buffetti sul viso. Una cosa che non passò inosservata, tanto da far dire in seguito a John: «A quanto pare ho giocato troppo con il suo mento».
Mercoledì 25 Febbraio 2015 - Ultimo aggiornamento: 12:30
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
DALLA HOME