"Bambini che fanno sport a rischio": il rapporto choc dei pediatri

"Bambini che fanno sport a rischio": il rapporto choc dei pediatri

  • 155
    share
 Secondo un rapporto della American Academy of Pediatrics ci sono infezioni in agguato per bambini e ragazzi che fanno sport, con una lunga lista di patogeni su campi sportivi, palestre e piscine. L'associazione dà consigli e indicazioni su come minimizzare i rischi.

Fino al 23% degli atleti ha una colonizzazione da Staffilococco resistente alla meticillina (Mrsa) sulla pelle, che non porta alla malattia ma può trasmetterla, ad esempio se si è a stretto contatto con qualcuno che ha una ferita. Un altro virus comune è quello dell'herpes, in diverse declinazioni, dal cosiddetto 'herpes gladiatorum', o 'herpes da tappetino', che colpisce l'8% dei lottatori, all'herpes rugbiorum, comune nei campi da rugby.

Piuttosto frequenti sono anche i funghi da piscina, e anche scabbia e pidocchi trasmessi in palestra sono stati documentati, senza dimenticare le malattie esantematiche. "Gli allenatori sono responsabili di assicurare che l'attrezzatura sia pulita e disinfettata regolarmente - scrivono gli esperti - e di verificare la presenza di eventuali lesioni sulla pelle".Tra gli altri suggerimenti, seguire le principali norme igieniche, evitando ad esempio di camminare scalzi negli spogliatoi ed essere in regola con i vaccini.
Domenica 1 Ottobre 2017 - Ultimo aggiornamento: 13:32
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
DALLA HOME