Seguici su Facebook Seguici su Facebook     Martedì 28 Marzo 2017 | | Oroscopo |
TRENDING TOPICS

Ruby ter, lungo stop al processo. Due ragazze parte civile: “Le nostre vite rovinate”

1 COMMENTO
Ruby ter, lungo stop al processo. Due ragazze parte civile: “Le nostre vite rovinate”

Giovedì 12 Gennaio 2017, 10:14

di Giammarco Oberto
Troppe udienze e poche toghe. Ecco perché ieri Ruby ter sulle testimonianze comprate da Berlusconi in relazione alle “cene eleganti” di Arcore si è aperto ed è subito stato rimandato: di sei mesi. Si tratta di un lungo stop che il presidente della decima sezione penale ha motivato così durante la prima udienza di smistamento: «Abbiamo troppi processi in corso e non ci sono altri giudici che possano essere reclutati».  Si torna dunque in aula il prossimo 3 luglio. Da quel momento il processo andrà in discesa: il dibattimento contro le olgettine accusate di corruzione giudiziaria e falsa testimonianza si terrà ogni lunedì. Gli imputati sono 23: c’è Karima el Mahroug, alias Ruby Rubacuori, il suo ex legale Luca Giuliante, la senatrice Maria Rosaria Rossi, il giornalista Carlo Rossella, l’ex fidanzato di Ruby Luca Risso, l’ex massaggiatore del Milan Giorgio Puricelli e un bel po’ di protagoniste delle celeberrime serate del Bunga Bunga: Iris Berardi, Barbara Guerra, Barbara Faggioli, le gemelle De Vivo, Marysthelle Polanco, Alessandra Sorcinelli. All’udienza lampo di ieri, oltre a due delle imputate (Lisa Barizonte e Raissa Skorkina) si sono presentate anche Ambra Battilana e Chiara Danese, le due ragazze piemontesi già parti civili nel Ruby bis: hanno annunciato che entreranno per chiedere i danni anche in questo processo perché - hanno dichiarato - «la nostra vita è stata rovinata».  Anche Karima potrebbe rientrare in scena: il suo legale, l’avvocato Paola Boccardi, ha spiegato ai cronisti che probabilmente Ruby «renderà interrogatorio». «Continua a non lavorare, sta a Genova con il nuovo compagno e si occupa di sua figlia». La posizione di Berlusconi - stralciata lo scorso 19 ottobre da gup Laura Marchiondelli per motivi di salute dell’ex premier - è invece ancora incerta: la decisione sul suo rinvio a giudizio è attesa per il 28 gennaio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


DIVENTA FAN DI LEGGO



PER POTER INVIARE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO

Se sei già registrato inserisci username e password oppure registrati ora.



Se non ricordi lo Username o la Password clicca qui

1 di 1 commenti presenti
2017-01-12 11:22:06
Tanto la Legge qui in Italia è schiava dei potenti e del potentato...non ci vuol molto a capire che si stanno maturando i termini per la SOLITA prescrizione.Il carcere si apre solo per i poveri italiani indigenti che rubano per mettere qualcosa sotto i denti.Schifo.