Seguici su Facebook Seguici su Facebook     Giovedì 23 Marzo 2017 | | Oroscopo |
TRENDING TOPICS

Omicidio Garlasco: sedici anni a Stasi. "Ha ucciso Chiara". Alberto in lacrime dopo la sentenza

FOTO | 4 COMMENTI
Omicidio Garlasco: sedici anni a Stasi. "Ha ucciso Chiara". Alberto in lacrime dopo la sentenza
Alberto Stasi

Sabato 12 Dicembre 2015, 11:44

ROMA - La Casssazione ha confermato la condanna a 16 anni per Alberto Stasi per l'omicidio di Chiara Poggi.
In particolare la V Sezione Penale, dopo appena poche ore di camera di consiglio, ha respinto sia il ricorso di Alberto Stasi che quello della procura generale di Milano che chiedeva per Stasi una condanna a 30 anni di reclusione contestando al giovane anche la crudeltà dell'omicidio.  Con questa decisione, la Suprema Corte ha messo la parola fine ad una vicenda giudiziaria iniziata 8 anni fa e ha convalidato la decisione della Corte d'assie d'appello di Milano del dicembre del 2014 che aveva condannato Stasi a 16 anni di reclusione.  La condanna a 16 anni per Alberto Stasi diventa ora definitiva e dunque si aprono per lui le porte del carcere. Si chiude così una vicenda durata otto anni. Chiara Poggi fu trovata morta il 13 agosto 2007.  Poche ore dopo la sentenza si è costituito in carcere Alberto Stasi dopo che la Cassazione ha confermato in via definitiva la condanna a 16 anni per l'omicidio della fidanzata Chiara Poggi a Garlasco (Pavia). È quanto si apprende da fonti giudiziarie.  "Alberto Stasi ha brutalmente ucciso la fidanzata, che evidentemente era diventata, per un motivo rimasto sconosciuto, una presenza pericolosa e scomoda, come tale da eliminare per sempre dalla sua vita di ragazzo 'per benè e studente 'modellò, da tutti concordemente apprezzato». Queste le motivazioni della sentenza della Corte d'Assise d'Appello di Milano, che la Cassazione oggi ha confermato, in base alle quali Stasi il 17 dicembre 2014 era stato condannato a 16 anni di carcere per l'omicidio dell'allora sua fidanzata Chiara Poggi.  Una sentenza che toglie il fiato e si scioglie in lacrime amare. Alberto Stasi ha reagito così di fronte al verdetto della Cassazione che lo condanna a 16 anni di carcere per l'omicidio della fidanzata Chiara Poggi. Aveva 24 anni quando il 13 agosto 2007 scoprì il corpo senza vita di Chiara nella villetta di via Pascoli a Garlasco (Pavia), oggi 31enne commercialista deve fare i conti con un futuro dietro le sbarre. Dopo la sentenza, alla quale ha reagito in silenzio, si è costituito nel carcere milanese di Bollate.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


DIVENTA FAN DI LEGGO



PER POTER INVIARE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO

Se sei già registrato inserisci username e password oppure registrati ora.



Se non ricordi lo Username o la Password clicca qui

4 di 4 commenti presenti
2015-12-12 20:29:00
Finalmente È saltato fuori il vero colpevole di questa vicenda trascinatasi per anni.
2015-12-12 14:45:39
Su alcuni delitti la gente, indipendentemente da ciò che dicono i P.M. o scrivono i giornali, si fa un'idea. Su alcuni si può sbagliare, come è successo alla giustizia, in precedenza su un altro delitto; anche se in quel caso, i due imputati hanno visto il bongiorno, ma su questo caso non avevo dubbi!
2015-12-12 14:22:26
8 anni ? bastavano 8 minuti per capire senz ombra di dubbio che è colpevole. anni di reclusione ? 30 ovviamente. unica attenuante è, il fatto, che non è partito per uccidere, ma comunque lo ha fatto. e tanto basta. in un paese civile, 8 minuti per capire 30 giorni per un giusto processo e 30 anni senza se e senza ma. in italia ovviamente si fanno i conti come qui di seguito : 16 anni meno 2 di condizionale diventano 14 , togliamo 3 mesi ogni anno per buona condotta diventano 4 anni e otto mesi , restano 9,2 anni di galera. amnistia in vista , per le prossime elezioni e il gioco è fatto . nel 2016 è fuori, qualcuno vuole scommettere ?
2015-12-12 11:56:37
finalmente Giustizia per la povera Chiara è stata fatta. Adesso RIP CARA CHIARA.