Terremoto di 4.4 nel parmense alle 13.37, niente danni. Ingv: "È stato profondo". Sentito a Reggio Emilia, Spezia e Milano

Terremoto di 4.4 nel parmense alle 13.37, niente danni. Ingv: "È stato profondo". Sentito a Reggio Emilia, La Spezia e Milano

  • 1 mila
    share
Uno sciame sismico è in corso sull'appennino emiliano-ligure. Alle 13.37 è stata registrata una forte scossa di magnitudo 4.4 con epicentro Fornovo di Taro (31,5 km la profondità) che ha destato grande allarme. Il terremoto ha fatto seguito a una prima scossa di 3.3 (25 chilometri la profondità), con epicentro a Varano de' Melegari nell'alta Val di Taro alle 13.10. Molte telefonate a Parma di cittadini impauriti ai vigili del fuoco. La scossa più forte è stata avvertita anche a Salsomaggiore, Modena, Reggio Emilia, La Spezia e persino a Piacenza, Pavia e Milano. Poco dopo scosse di assestamento di magnitudo 2.6 e 2.4. Non sono per ora segnalati danni a persone o cose, ma solo caduta di calcinacci.



Pizzarotti tranquillizza. Su Parma «l'intensità» delle scosse di terremoto di magnitudo 3.3 e 4.4 con epicentro «nell' Appennino» intorno a Fornovo di Taro e Varano dè Melegari "è stata percepibile ma non di particolare rilievo al momento. Siamo in contatto con il centro regionale di protezione civile per ulteriori aggiornamenti. La situazione è in corso di monitoraggio". È quanto scrive, sulla sua pagina Facebook, il sindaco di Parma, Federico Pizzarotti.




Ingv: "Sisma profondo". È stato molto più profondo rispetto ai terremoti avvenuti in Emilia Romagna nel 2012, quello di magnitudo 4,4 registrato oggi nel parmense, a quattro chilometri da Fornovo di Taro. «È avvenuto a una profondità molto elevate, di 32 chilometri, quindi sul basamento roccioso anziché nella parte sedimentaria, come era accaduto nel 2012», ha detto il sismologo Alessandro Amato, dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv). Questo significa che il tremore è stato percepito in maniera modesta, come indicano anche le mappe elaborate dal servizio «Hai sentito il terremoto?» dell'Ingv, sulla base dei questionari inviati dalla popolazione. Lieve anche la percezione della scossa di magnitudo 3,3 che ha preceduto di una ventina di minuti quella principale, così come le cinque scosse avvenute subito dopo, a intervalli di pochissimi minuti l'una dall'altra, tutte al di sotto della magnitudo 3,0.
Domenica 19 Novembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 21:22
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
DALLA HOME