Davide si uccise a 23 anni: "Dietro il suicidio forse uno stupro di gruppo"

Davide si uccise a 23 anni: "Dietro il suicidio forse uno stupro di gruppo"

Potrebbero esserci uno stupro di gruppo, il mondo dei rave party e droga dietro il suicidio di un 23enne di Alberobello, avvenuto a ottobre 2016. L'esistenza di una indagine della Procura di Bari per istigazione al suicidio con riferimento alla morte del 23enne Davide Colucci è emersa da un processo per stalking a carico del fratello della vittima che si è celebrato oggi. L'imputato, il 30enne Angelo Colucci, è stato condannato con rito abbreviato alla pena di 1 anno e 8 mesi di reclusione per atti persecutori e violenza privata nei confronti dello zio. 



Angelo Colucci, attualmente detenuto agli arresti domiciliari per stalking, avrebbe perseguitato e minacciato lo zio proprio con riferimento agli approfondimenti avviati dalla magistratura barese sulla morte del fratello. Stando all'inchiesta per istigazione al suicidio, al momento a carico di ignoti, il ragazzo si sarebbe tolto la vita impiccandosi con una corda al ramo di un albero in una campagna non lontana da casa, a causa di una improvvisa depressione iniziata contemporaneamente alla frequentazione di rave party e all'uso di droghe e ad un presunto episodio di violenza sessuale di gruppo durante una di quelle feste. Ai rave e all'uso di droga il giovane sarebbe stato trascinato dal fratello Angelo.

Dopo la morte del 23enne i Carabinieri, coordinati dal pm Simona Filoni, avevano avviato verifiche per accertare le ragioni del suicidio, che appariva inspiegabile per un ex giocatore di basket, in salute e con tanti amici, il quale all'improvviso aveva poi smesso di uscire di casa fino a decidere di togliersi la vita. Dopo che la Procura aveva convocato i familiari della vittima, il fratello Angelo aveva iniziato a perseguitare uno zio, anche con minacce di morte con scritte nere sul muro di casa, fino al gennaio 2017 quando è stato arrestato in flagranza. Secondo la Procura, Angelo Colucci perseguitava lo zio perchè lo riteneva responsabile degli approfondimenti che stava facendo la magistratura. In realtà, però, i sospetti degli investigatori sono cominciati proprio quando lo stesso Angelo Colucci ha raccontato della frequentazione dei rave e dell'uso di droghe insieme al fratello. 
Mercoledì 13 Settembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 17:38
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
DALLA HOME