Scala, Tosca di Puccini: nel foyer del teatri vince la sobrietà

di Rita Vecchio
Il rosso predomina. E non poteva non essere se in scena c’è Tosca di Puccini. Dagli allestimenti del palco reale in Teatro agli addobbi del foyer. Una prima piena di fiori e strascichi. Pochi gioielli, tante paillettes e qualche diadema in testa. Zero pellicce. Veli in tutti i colori e in tutte le salse. E, per la serie di come non passare inosservati, un abito bianco pieno di Led che vagava per gli stretti corridoi dei palchi.

Leggi anche > La Prima de La Scala di Milano: i look più stravaganti
 
 


Un foyer in tema con i tempi di crisi che corrono. Anche i ricchi piangono, insomma. Il rapper Marracash che si scopre «amante dell’opera lirica, è una forma d’arte importante» con la sua fidanzata Elodie, firmati entrambi Etro, sono tra le cose (seppure già annunciate) che sanno di sorpresa. Insieme a Patti Smith, che sommersa da giornalisti sorprende prendendo il telefono e riprendendo a sua volta. Ma se è questo il massimo che si è visto tra gli spettatori di Tosca di Giacomo Puccini, ci ha pensato Davide Livermore - che si avvista tra un atto e l’altro - a controbilanciare la piattezza di abiti e l’estrosità di signore che oramai è vago ricordo.
 
 

Leggi anche > Milano, la Prima del La Scala 2019: la Tosca di Giacomo Puccini. E' un trionfo, pubblico in visibilio. La Diretta

Scene mastodontiche, di grande impatto scenico, imponenti, perfette. Scelte che piacciono al pubblico che a fine di ogni atto non ha risparmiato applausi. Applausi generosi fin dall’Inno di Mameli che ha accolto il presidente della Repubblica Sergio Mattarella con più di 4 minuti di applausi. Ma anche le voci, strepitose. Il trio Netrebko - Salsi - Meli ha funzionato a meraviglia. 55 secondi di applausi e il grido di “brava” per la Netrebko-Tosca a chiusura del “Vissi d’arte” la consacrano a diva delle dive. La limpidezza e la pulizia della sua voce è impeccabile. Tosca per il claim del “come non l’avete mai ascoltata” sta piacendo. Il libretto che ha inaugurato la stagione è quello della prima al Teatro Costanzi di Roma nel 1900, quello che Puccini stesso aveva deciso di cambiare.
Sabato 7 Dicembre 2019, 21:41
© RIPRODUZIONE RISERVATA