Cuore, lo yogurt alleato contro l'infarto: la ricerca dell'università di Oxford

di Antonio G.Rebuzzi*
Come uno yogurt può proteggere il cuore. Ovvero, come dimostrare che i latticini e i formaggi, consumati in modeste quantità, diventano alleati del muscolo cardiaco. In particolare lo yogurt. Questo il risultato di uno studio effettuato da un gruppo di ricercatori guidati Timothy J. Key del Department of Population Health dell'Università di Oxford (U.K) pubblicato sulla rivista Usa Circulation. Gli autori hanno lavorato sui dati di 410.000 pazienti, uomini e donne, di 9 paesi europei (Italia compresa) che sono stati seguiti per dodici anni e mezzo. Il variare della dieta era seguito attraverso test preparati e le condizioni dei pazienti erano valutate con visite periodiche. Oltre alla dieta si è tenuto conto delle patologie di partenza (ipertensione, diabete, insufficienza renale) nonché delle errate abitudini di vita del campione preso in esame (fumo, alcool, scarsa attività fisica) sia prima che durante il periodo di studio.

Infarto e ictus, formaggi e uova assolti: per la Heart Foundation carne rossa più pericolosa

OBESITÀ
Durante il lavoro 7198 persone hanno avuto un infarto o sono morte per una patologia correlata. La maggioranza apparteneva al gruppo dei più anziani, soffriva di obesità, fumava e aveva la pressione alta. Per quanto riguarda l'alimentazione, chi mangiava più carne rossa, pur prescindendo da tutte le variabili considerate, aveva un rischio d'infarto del 13% superiore a chi ne mangiava poca o niente. Un dato non nuovo e già documentato da molti studi. Il risultato interessante, e per certi versi nuovo, è stato quello determinato dall'analisi del rapporto consumo di yogurt e patologia cardiaca. Coloro che mangiavano circa un vasetto al giorno aveva, negli anni una riduzione del rischio di infarto di oltre il 10 % rispetto a chi non ne mangiava.

 


E la riduzione del rischio era inversamente proporzionale allo yogurt consumato. Tale dato era valido per tutti i paesi coinvolti nello studio. Ed era in accordo con i risultati dello studio Pure (Prospective Urban Rural Epidemiology) effettuato lo scorso anno su oltre 136.000 soggetti in 21 paesi e pubblicato sulla rivista Lancet, in cui si evidenziava che una modica quantità di latticini nella dieta riduce del 20% il rischio cardiaco rispetto a chi non consuma tali prodotti. Per ciò che riguarda più specificatamente lo yogurt si deve considerare che, oltre ai grassi, contiene vitamine K e calcio e può essere ricco in fermenti lattici e probiotici, molti dei quali esercitano una funzione indubbiamente benefica sulle arterie.

DIETA
Va anche rilevato che il consumo di yogurt è associato a modelli di vita ed a regimi dietetici tipici di persone più attente al loro benessere fisico. Lo studio ha inoltre messo in evidenza la riduzione, pur modesta e ancora da approfondire, del rischio cardiovascolare per coloro che quotidianamente seguivano una dieta ricca di pesce, magro o grasso che fosse. 

*Direttore Cardiologia intensiva Policlinico Gemelli Università Cattolica Roma

Mercoledì 18 Settembre 2019, 13:05
© RIPRODUZIONE RISERVATA