Superbatterio New Delhi: cresce il numero di persone contagiate Che cos'è? Come avviene il contagio

Superbatterio New Delhi: cresce il numero di persone contagiate Che cos'è? Come avviene il contagio

Sempre più persone in Toscana infette dal batterio New Delhi. È salito a 148, un solo caso in più della settimana scorsa, il numero dei pazienti in Toscana nel cui sangue è stato isolato il batterio New Delhi, a partire da novembre 2018. È il dato, aggiornato al 18 dicembre, diffuso sul proprio sito dall'Agenzia regionale di sanità della Toscana che pubblica il monitoraggio settimanale sulla diffusione del superbatterio Ndm.

Make up conservato male rifugio di superbatteri: attenzione a pulizia e scadenza
Lampade battericide nel pronto soccorso dell'aeroporto di Fiumicino

Che cos'è questo superbatterio? Si tratta di un ceppo nuovo di Klebsiella,  batterio reistente ai farmaci che ha già colpito i pazienti di molti ospedali italiani. La trasmissione avviene attraverso il contatto con le mani di infermieri e medici, con strumenti medici infetti o con le feci dei pazienti già contagiati. 

Riguardo alla mortalità l'Ars spiega che «i casi sono risultati letali nel 32% dei pazienti con sepsi (non necessariamente si tratta di decessi dovuti all'infezione specifica), percentuale paragonabile alla letalità per questa condizione causata da altri batteri resistenti agli antibiotici carbapenemici».

Una settimana fa, l'11 dicembre, il batterio risultava essere stato isolato nel sangue di 147 pazienti mentre i casi erano risultati letali nel 33%.

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 18 Dicembre 2019, 16:19
© RIPRODUZIONE RISERVATA