Cantante malato di cancro rifiuta il trapianto: «Non voglio il fegato, potrebbe essere di un omosessuale»
di Alessia Strinati

Cantante malato di cancro rifiuta il trapianto: «Non voglio il fegato, potrebbe essere di un omosessuale»

Rifiuta un trapianto indispensabile per la sua vita perché teme che l'organo sia di un omosessuale. Vicente Fernández, uno dei musicisti messicani più popolari e definito “re della musica ranchera”, ha dichiarato di aver rifiutato un fegato, nella sua lotta contro un tumore, perché temeva che l'organo potesse arrivare da una persona gay.

Mamma denuncia la presenza di un pedofilo ai suoi vicini di casa e finisce nei guai



In un'intervista al programma messicano "De Primera Mano" il cantante ha raccontato che i medici avevano trovato per lui un fegato, ma la notizia, al posto di rallegrarlo, lo ha reso diffidente fino a spingerlo a rifiutare l'organo. Fernández ha dichiarato di aver risposto ai medici di non volere il fegato: «Gli ho risposto "Non andrò a dormire, a fianco a mia moglie con il fegato di un altro uomo. Non so neanche se era omosessuale o dipendente da qualche droga"». È stata proprio questa ultima frase a far scoppiare le polemiche. 

Il cantante si è sentito male durante un torur in Texas, dopo il ricovero in ospedale i medici hanno diagnosticato il tumore e trovato il donatore. Fernández però ha dichiarato di non voler accettare l'organo di un altro uomo, ha ammesso durante l'intervista di essere andato via dall'ospedale nonostante il parere negativo dei medici, il tutto tra tante risate. L'atteggiamento e le parole però non sono piaciute a molti dei suoi fan e si è alzato un gran polverone intorno all'artista, tanto da spingere il figlio ad intervenire per difenderlo: «Mio padre non ha mai detto nulla di omofobo, l'unica cosa che ha detto è che non sarebbe andato a dormire con il fegato di un altro uomo».
Domenica 19 Maggio 2019, 21:49
© RIPRODUZIONE RISERVATA