Stefano, 24 anni, scomparso da domenica sera dopo un'escursione vicino Roma: ricerche in corso
di Enrico Chillè

Stefano, 24 anni, scomparso da domenica sera dopo un'escursione vicino Roma: ricerche in corso

Era andato a fare un'escursione con gli amici nella zona dei Monti Lucretili, in provincia di Roma, ma da domenica sera non si hanno più notizie di lui. Sono in corso in queste ore le ricerche di Stefano Garzilli, 24enne romano residente in zona Tor Sapienza e disperso dopo essere rimasto indietro durante un'escursione in montagna nei pressi di Roccagiovine.

Meteo, il giorno più caldo: temperature sopra i 40°C. Ma da domani il tempo cambia



La passeggiata era iniziata nel pomeriggio di domenica ma, sulla strada del ritorno, Stefano era rimasto indietro e per questo aveva inviato un messaggio agli amici: «Ci vediamo alle macchine». Erano le 18.26 e, da quel momento, il suo cellulare è risultato irraggiungibile, per assenza di rete o per la batteria scarica. Alle 19.30 gli amici di Stefano, che lo avevano distanziato di qualche centinaio di metri e lo avevano perso di vista, avevano quindi deciso di dare l'allarme e già in serata erano partite le ricerche, che però non hanno dato l'esito sperato nonostante l'ingente schieramento messo a disposizione da carabinieri, vigili del fuoco, soccorso alpino e protezione civile, con l'aiuto di alcuni residenti.

Nella zona intorno alla località Fonte Campitello, sono intervenute anche le unità cinofile e sono stati utilizzati anche droni ed elicotteri, che hanno sorvolato la zona senza però avvistare il ragazzo. L'unica traccia di Stefano, che ha già passato due notti all'aperto, sono gli incarti di alcune merendine che il 24enne aveva con sé durante l'escursione.

Le ricerche proseguono incessantemente, con un campo-base allestito proprio nel comune di Roccagiovine. Il sindaco del piccolo comune, Marco Bernardi, ha dichiarato: «È una vergogna che nel 2019 accadano queste cose in una montagna a pochi chilometri da Roma da Roma. Dobbiamo lavorare affinché ciò non avvenga più. È probabile che l’episodio odierno sia la conseguenza di diversi fattori, ma verso la montagna ci vuole un approccio corretto e forse è il caso di effettuare anche adeguati corsi agli escursionisti. La nostra piccola comunità, nelle giornate di festa dedicate alla Vergine Maria, si stringe attorno ai familiari ed agli amici del ragazzo, nella speranza che possano riabbracciare il prima possibile il proprio caro».
Martedì 13 Agosto 2019, 12:50
© RIPRODUZIONE RISERVATA