Mamma Lidia Rubino partorisce e abbandona la figlia neonata tra gli scogli al gelo: è omicidio

Lidia Rubino abbandonò la figlia neonata tra gli scogli al gelo: condannata a 14 anni

  • 4,6 mila
    share
Era diventata mamma da poche ore Lidia Rubino quando ha abbandonato la sua figlia neonata tra gli scogli e al gelo di febbraio causandone la morte. La donna, oggi 24enne, è stata condannata dal Tribunale di Bari a 14 anni di reclusione per l'omicidio volontario pluriaggravato della figlia neonata.

Intervento di bypass gastrico per essere più bella il giorno del matrimonio, 25enne muore poco prima delle nozze
Michele Bravi, il fratello della donna morta: «Non ha trovato nemmeno 5 minuti per una telefonata»


La piccola è stata abbandonata tra gli scogli di una spiaggia di Monopoli, 'Cala Monaci', dopo essere stata partorita.
Il giudice, al termine di un processo celebrato con il rito abbreviato, ha escluso l'aggravante dei futili motivi e ha concesso una ulteriore attenuante per aver riconosciuto il parziale vizio di mente.



La neonata fu abbandonata all'alba del 12 febbraio e ritrovata sul bagnasciuga da una coppia di turisti tre giorni dopo, il 15 febbraio 2017. La ragazza, assistita dall'avvocato Nicola Miccolis, dopo circa quattro mesi di detenzione in carcere, dal 29 marzo al 18 luglio dello scorso anno, è attualmente agli arresti domiciliari presso una comunità terapeutica. Nel corso di un incidente probatorio, su richiesta della difesa, è stata sottoposta ad una perizia psichiatrica che ne ha stabilito la semi-infermità mentale.

Al tempo del fatto, stando agli accertamenti psichiatrici e tossicologici, aveva un tasso alcolemico oltre la norma e - secondo la perizia psichiatrica - stava vivendo un «momento dissociativo». Stando alla perizia medico-legale, la bimba, ribattezzata «Chiaraluna», nata sana al termine della gravidanza, sarebbe morta nel giro di alcune ore anche a causa del freddo e dell'acqua del mare. Le indagini sulla vicenda sono state coordinate dal pm di Bari Giuseppe Dentamaro e delegate agli agenti del Commissariato di Monopoli. Inizialmente era indagato per concorso nell'omicidio il compagno della ragazza, la cui posizione è stata poi archiviata.

Venerdì 30 Novembre 2018 - Ultimo aggiornamento: 01-12-2018 11:24
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 5 commenti presenti
2018-12-02 19:52:45
mamma mia che squallore di persona
2018-11-30 19:42:29
Per questo infanticidio a questa schifosa non gli darei l'ergastolo, sarei troppo buono, e nemmeno la pena di morte, troppo bello morire subito dopo per quello che ha fatto, la manderei a lavorare in miniera e come ristoro gli darei solo acqua. Vorrei vedere dopo un mese come uscirà da lì, se ne uscirà.
2018-11-30 16:03:00
Come caspita fanno ad avere il barbaro coraggio di abbandonare una creatura sapendo che dopo un po’ morirà..nn lo vuoi?lascialo in ospedale!.Io altro che 14 anni ti avrei dato!
2018-11-30 13:23:53
L'istinto di protezione verso i cuccioli ce l'hanno anche gli animali. Questa deve essere messa nelle condizioni di non avere mai altri figli.
2018-11-30 12:05:16
14 anni? Ma stiamo scherzando? Ergastolo e stop
DALLA HOME