Bologna, fratelli precipitati e morti. La testimonianza choc: «Stava per succedere anche un anno fa»

Il dramma dei due fratelli di 14 e 11 anni morti stamattina dopo essere precipitati dall'ottavo piano di un palazzo alla periferia di Bologna sta assumendo tinte inquietanti in seguito a una dichiarazione fornita da un testimone a SkyTg24.
L'uomo, che conosceva la famiglia di origine keniota composta da sei persone - i due ragazzi tragicamente scomparasi avevano altri due fratelli più piccoli - intervistato in merito alla caduta dall'ottavo piano del palazzo in via Quirino di Marzio, ha raccontato che un episodio molto simile si è verificato un anno fa. Stessi protagonisti, i fratelli avrebbero chiuso in bagno il padre -  che anche stamattina si trovava in casa con loro - e qui il racconto diventa confuso. Il testimone parla dell'intervento dei vigili del fuoco, ma la sua versione lascia molti sottointesi.

Bambini morti a Bologna, il vicino: “Ho visto infermiera con le mani nei capelli e ho capito tutto”
 
 

Il padre dei due ragazzini morti a Bologna stamattina era solo in casa con loro al momento del fatto. La madre, invece, pare che fosse al lavoro e sono stati i poliziotti ad avvisarla della tragedia. L'uomo è stato portato in Questura per accertamenti e, in seguito, è stato visto attraversare la strada che dai locali della squadra mobile porta ad altri uffici, scortato da un poliziotto. Intanto in via Quirino Di Marzio, luogo della tragedia, i corpi delle due vittime sono stati portati via. Sembra che la famiglia - il padre, la madre e quattro figli - vivesse in un appartamento di una onlus che si occupa di accoglienza di famiglie con situazioni di fragilità economica e sociale.
Sabato 23 Marzo 2019, 15:43
© RIPRODUZIONE RISERVATA