Ciclista 50enne trovato morto nei boschi, non è malore
di Luca Pozza

Asiago, ciclista 50enne trovato morto nei boschi: non è malore

Tragedia nel tardo pomeriggio di oggi 23 marzo sui boschi dell'Altopiano dei Sette Comuni. Un ciclista, risultato poi essere Devy Montini, 50 anni, residente a Canove di Roana, guardia forestale operante nello stesso comprensorio montano, è stato trovato senza vita attorno alle 16.30, all'interno di un'area boschiva in località Prunno di Asiago, la zona vicina all'ospedale, che poi conduce a località Barenthal. 

Ancona, donna trovata morta in casa con una ferita alla testa. Ordinata l'ispezione del cadavere
Bologna, fratelli morti precipitati dall'ottavo piano: tutto quello che sappiamo finora



Secondo le prime informazioni a dare l'allarme sono stati due escursionisti di passaggio, che hanno notato il corpo a lato della strada sterrata, con la mtb dell'uomo distante pochi metri. Sul posto i carabinieri di Asiago e un'ambulanza del Suem 118, i cui sanitari non hanno potuto che accertare il decesso, che risalirebbe a diverse ore prima, al primo pomeriggio o addirittura alla tarda mattinata. Da quanto appreso in serata, Montini non era in servizio, ma sarebbe uscito di casa in mattinata per un'escursione in bicicletta, sino alla decisione di percorrere i sentieri boschivi.

Al momento i militari, che mantengono il più stretto riserbo sulla tragedia e che hanno transennato la zona per tenere lontano i curiosi, non tralasciano nessuna pista, ma viene esclusa la possibilità che si tratti di un malore. La stradina dove è avvenuto l'incidente risulta infatti completamente ghiacciata: probabile che il ciclista sia stato vittima di una scivolata e relativa rovinosa caduta, risultata poi fatale. E' plausibile che il cinquantenne possa avere battuto violentemente il capo sul ghiaccio e il forte impatto non gli ha dato scampo. Le indagini da parte degli uomini dell'Arma sono proseguite anche con il buio.

 
Ultimo aggiornamento: 24 Marzo, 10:42 © RIPRODUZIONE RISERVATA