Genova, Eros Cinti è l'operaio morto all'Ansaldo: lascia due figli orfani, la moglie scomparsa dieci mesi fa per un tumore

Si chiamava Eros Cinti l'operaio della ditta Geko morto questa mattina mentre lavorava in via 30 Ottobre nel piazzale interno alla sede di Ansaldo Energia, lungo il torrente Polcevera e nei pressi del cantiere prossimo al Ponte Morandi a Genova. L'uomo è stato colpito da un pezzo della gru. Sul posto sono intervenuti i medici del 118, ma le sue condizioni sono apparse subito gravissime e non c'è stato nulla da fare. 

Mamma uccide la figlia di 3 giorni: l'ha scaraventata per terra, poi ha tentato il suicidio. ​«Forse crisi post partum»

Secondo una prima ricostruzione, l’uomo stava lavorando a un carico insieme ad alcuni colleghi e sarebbe stato travolto dal pezzo. L’area è stata messa sotto sequestro e i sindacati hanno subito dichiarato 8 ore di sciopero. Stava effettuando lavorazioni interne ad Ansaldo Energia.



Eros aveva 42 anni ed era padre di due figli di sei e undici anni, e abitava a Pontedecimo (Genova). Lascia due figli orfani. Dieci mesi fa, infatti, aveva perso la moglie a causa di un tumore con cui lottava da circa tre anni. 

 
Ultimo aggiornamento: 22:58 © RIPRODUZIONE RISERVATA