Il dolore della mamma di Federico, morto di meningite a 15 anni: «Mi resta solo il suo tatuaggio»
di Lorena Loiacono

Meningite, Federico Galluccio morto a 15 anni. La mamma: «Mi resta solo il suo tatuaggio»

Una morte inaccettabile. L'unico flebile conforto per mamma Valeria, è parlare del suo Federico: dai tatuaggi alla cucina fino alla ginnastica artistica.

Meningite a Roma, psicosi a Talenti dopo la morte di Federico: «Rivolgetevi al vostro medico di base»
Meningite a Roma, Federico Gallucci morto a quindici anni: domenica era a cena con gli amici



Un ritratto tutto a colori, è così?
«Non mi resta più niente, l'unica cosa a cui mi posso aggrappare è il ricordo, vorrei che mio figlio restasse nel cuore di tutti perché era fantastico. Se le persone si ricordano di lui, anche nella sua scuola quando arriveranno nuovi studenti, vorrà dire che c'è ancora. Che è ancora qui».
Che ragazzo era?
«Dolcissimo e divertente, un compagnone. Era impossibile non volergli bene e poi, quando c'era da fare qualcosa, era sempre il primo. Lui diceva: n pole position, nello sport e a scuola».
Erano queste le sue passioni?
«Sì, Federico amava quello che sarebbe dovuto diventare il suo lavoro: studiava all'alberghiero perché voleva lavorare nei ristoranti, in sala, e magari diventarne direttore. Sono sicura che ci sarebbe riuscito».
 
 


Era anche uno sportivo?
«Frequentava la Società atletica Talenti per la ginnastica artistica. Aveva raggiunto il livello agonistico, sembrava che lo sport ce l'avesse nel sangue. Ha voluto anche farsi un tatuaggio per questo».
Quale?
«Sulla schiena aveva un disegno stilizzato di un atleta sugli anelli. Il padre all'inizio non era d'accordo ma poi Federico gli ha detto: è la mia passione, non mi stuferò mai di quel tatuaggio. E lo ha convinto».
Lei era d'accordo?
«E come potevo dirgli di no? Ho il nome di Federico tatuato sul braccio. Ora mi resta questo di lui...».
Nella sua camera c'è il poster di Emma Marrone, gli piaceva?
«Amava i cantanti che piacciono ai giovani. Il suo primo concerto è stato proprio quello di Emma, chiese al padre di accompagnarlo, tornò entusiasta. Quanti bei momenti abbiamo avuto».
Chi le sta vicino, oggi?
«Per fortuna ho dei cari amici».
Anche i compagni di Federico?
«Sì e ne aveva tanti. Suo padre ed io, non senza sacrifici, stavamo organizzando una mega festa per venerdì sera per il suo compleanno di 16 anni. E ora che sarà di quella festa? Adesso dobbiamo organizzare un'altra cosa... Non riesco neanche a dirlo».
Mercoledì 16 Gennaio 2019, 05:01
© RIPRODUZIONE RISERVATA