Terremoto in Turchia: 14 persone morte sotto le macerie. Palazzi crollati VIDEO
di Simone Pierini

Terremoto in Turchia: 14 persone morte sotto le macerie. Palazzi crollati VIDEO

Terremoto, tremenda scossa in Turchia: magnitudo 6.7. Palazzi crollati, terrore in strada. Colpita la provincia di Elazig, nell'Anatolia orientale. Sale a 14 il bilancio delle vittime. Lo rendono noto le autorità locali. Il sisma è avvenuto a una profondità di 10 km. La protezione civile turca ha inviato squadre di soccorso sul campo. Un video ha immortalato i soccorsi estrarre il corpo di un cittadino da un edificio distrutto. Dopo la scossa di 6.7, la zona è stata colpita da una serie di scosse di assestamento che vanno da magnitudo 5,4 a 3,3.

Leggi anche > Terremoto, scossa in Emilia-Romagna. «Avvertita da Ravenna a Forlì»
 
 

Secondo l'Us Geological Survey, il terremoto ha avuto una magnitudo di 6,7 della scala Richter e l'epicentro è stato localizzato a quattro chilometri est-nordest della località di Doganyol. Su Twitter stanno girando diversi video e foto di gente in strada in preda al panico. Immagini di case con gravi danni all'interno oltre edifici crollati
 

Come riporta la testata turca Daily Sabah, il ministro degli Interni Süleyman Soylu ha affermato che finora non sono state riportate vittime, aggiungendo che due persone sono rimaste ferite. Il ministro ha anche confermato che diversi edifici sono crollati o hanno subito danni.
 

Nel distretto di Sivrice, epicentro del sisma, «ci sono 4-5 edifici distrutti», mentre «nel centro di Elazig ci sono 10 edifici seriamente danneggiati. Diversi edifici sono danneggiati o distrutti anche nel distretto di Poturge», nella vicina provincia di Malatya, ha aggiunto Soylu. 
 

Il ministro della Difesa Hulusi Akar ha confermato che al momento non ci sono notizie di vittime e che non risultano danni alle strutture militari nell'area. Secondo l'osservatorio sismologico di Kandilli a Istanbul, la scossa principale è stata registrata alle 20:55 locali (le 18:55 in Italia) e seguita da diverse altre scosse di assestamento, la più forte delle quali di magnitudo 6.5.  
 
 La Turchia è tra i paesi sismicamente più attivi in ​​quanto si trova su diverse linee di faglia e ogni giorno si verificano decine di piccoli terremoti e scosse di assestamento. La faglia potenzialmente più devastante è la faglia dell'Anatolia settentrionale (NAF), dove si incontrano le piastre anatoliche ed eurasiatiche.
 
 

Ultimo aggiornamento: Venerdì 24 Gennaio 2020, 22:20
© RIPRODUZIONE RISERVATA