Separate le gemelline siamesi unite dalla testa: «Maratona di 50 ore». Ha pagato tutto un donatore privato

Separate le gemelline siamesi unite dalla testa: «Maratona di 50 ore». Ha pagato tutto un donatore privato

La loro storia era diventata di dominio mondiale: Safa e Marwa Ullah, gemelle siamesi unite per la testa e con i vasi sanguigni fusi insieme, avevano bisogno di un'operazione chirurgica da record per separarsi e sopravvivere. E alla fine è accaduto: si è trattato di una vera e propria maratona, durata 50 ore, con cui i medici britannici hanno separato le due gemelline di 2 anni, provenienti dal Pakistan (a Charsadda) e affette da una rarissima malformazione.

Meth zombies, i drogati di metanfetamine invadono la città: «Le famiglie non sono al sicuro»

Safa e Marwa erano nate con un cesareo. Le bambine sono state sottoposte a una serie di interventi al Great Ormond Street Hospital di Londra: la prima operazione è stata eseguita a ottobre 2018, l'ultima l'11 febbraio. Ora, a distanza di mesi e dopo ulteriori operazioni più piccole, le bimbe sono state dimesse e stanno bene. Prima di intervenire sulle gemelline, i chirurghi hanno utilizzato la realtà virtuale per creare una replica esatta della loro anatomia, si legge sulla stampa britannica. Il team ha usato anche una stampante 3D per creare modelli plastici delle strutture delle piccole sulle quali intervenire, e fare pratica. Un 'allenamentò per consentire ai chirurghi di lavorare con la massima precisione.
Meteo, l'estate sta tornando: caldo africano nel weekend. «Fino a 10° in più»

Durante il primo intervento i chirurghi hanno separato i vasi delle bambine e poi hanno inserito un elemento di plastica fra le teste, per tenere separati cervello e vasi. Una serie di operazioni successive ha consentito di risolvere diverse complicanze a livello vascolare, fra cui un ictus che ha colpito una delle due bimbe e ha tenuto in allarme i medici. L'operazione più importante è quella che ha permesso ai chirurghi di 'costruire' due nuovi teschi, usando le ossa delle piccole, e impiegando anche degli espansori per consentire alla loro pelle di allargarsi e arrivare a coprire la testa.
L'intervento di separazione, pagato da un donatore privato, è stato seguito da alcune operazioni minori, necessarie per consentire alle bimbe una vita indipendente. In tutto le piccole sono state oltre 50 ore sotto i ferri, in una serie di procedure chirurgiche che hanno coinvolto oltre 100 operatori del Gosh. «Siamo in debito con l'ospedale e lo staff e vorremmo ringraziarli per tutto quello che hanno fatto - ha detto la mamma delle gemelle, Zainab Bibi, come riferisce 'The Guardian' - Siamo molto emozionati per il futuro».
Le bimbe, il cui padre è morto d'infarto quando la mamma era incinta, sono state dimesse dal Gosh il 1 luglio scorso e sono andate a casa. Ora, fanno sapere i medici, vengono sottoposte a una fisioterapia quotidiana per la loro riabilitazione. «Siamo lieti di essere stati in grado di aiutare Safa, Marwa e la loro famiglia - commentano il neurochirurgo Noor Ul Owase Jeelani e il chirurgo craniofacciale David Dunaway - È stato un viaggio lungo e complesso per loro». Il Gosh «è davvero uno dei pochi ospedali al mondo con le infrastrutture e l'esperienza necessarie per eseguire con successo un simile intervento», concludono i medici. 
Martedì 16 Luglio 2019, 16:35
© RIPRODUZIONE RISERVATA