Epidemia di encefalite fa una strage: «Morti 152 bambini». Bufera su politici e governo
di Domenico Zurlo

Epidemia di encefalite fa una strage: «Morti 152 bambini». Bufera su politici e governo

Una tragica epidemia di encefalite acuta sta affliggendo una zona dell'India ormai da settimane: dall'inizio di giugno sarebbero ben 152 i bambini morti nel Bihar, con l'alta corte che ha ordinato un'indagine in seguito a quella che è considerata una malattia assolutamente curabile. L'epidemia mortale è partita a Muzaffarpur, in un'area colpita nelle ultime settimane da un'ondata di caldo assolutamente anomala: secondo quanto si apprende l'encefalite sarebbe scatenata proprio da disidratazione e malnutrizione.

Meteo, settimana con caldo africano: «Punte di 43°, peggio del 2003»

Il governatore pochi giorni fa aveva stanziato 400 mila rupie (quasi 5 mila euro) per ogni famiglia che ha perso un figlio, ma la donazione non ha placato la rabbia dei parenti. Harsh Vardhan, ministro della Salute di fresca nomina, ha inviato un team di esperti dell'istituto Aiims di Delhi per affiancare i medici locali: l'encefalite acuta si diffonde generalmente nella stagione dei monsoni, e i bambini sono i più colpiti: ma quest'anno si è presentata prima del solito.

India, il caldo fa una strage: 78 morti in due giorni. «Temperature ferme a 45 gradi»

 
 

Non c'è accordo tra le varie autorità sul numero preciso di morti: alcuni dicono 152, altre stime parlano di 122 o 129 vittime, in uno Stato, il Bihar, che ha alcune delle peggiori statistiche al mondo per quanto riguarda la salute infantile. Già cinque anni fa, nel 2014, un'epidemia simile aveva portato alla morte di 350 bambini proprio a Muzaffarpur: alcuni attivisti, tra cui l'avvocato Manohar Pratap, scrive il Daily Mirror, hanno presentato una petizione per accusare il governo di essere troppo inerme davanti a questo tipo di casi.



Caldo, l'allarme dell'Onu: «Rischio apartheid climatico». I ricchi potranno salvarsi, i poveri no

Nella petizione si legge come la maggior parte delle morti siano dovute alla mancanza di strutture mediche adeguate in quell’area:  leader politici e istituzioni sono nell’occhio del ciclone per quanto sta avvenendo nella zona, con alcuni politici locali che sono stati affrontati duramente da genitori e parenti arrabbiati. L’opinione pubblica è inviperita per il modo in cui il governo trascura le fasce più povere della popolazione, come avvenuto proprio nel Bihar.

Martedì 25 Giugno 2019, 20:10
© RIPRODUZIONE RISERVATA