Pantelleria, sette cose da vedere assolutamente sull’isola
di Eleonora Giovinazzo

Pantelleria, sette cose da vedere assolutamente sull’isola

E’ un comune italiano di 7 646 abitanti della provincia di Trapani, in Sicilia. Una meraviglia al centro del Canale di Siclia. Nota per la sua centralità nel Mar Mediterraneo, scalo intermedio tra Africa e Sicilia e caposaldo per il commercio col Levante, Pantelleria si caratterizza per la singolarità del suo paesaggio, nel quale agli elementi naturali (colate laviche a blocchi, cale e faraglioni) si aggiungono i manufatti creati dall’uomo. Il suo territorio è di origine vulcanica. L'ultima eruzione è avvenuta, nel 1891, sul pendio nord-occidentale, nella parte sommersa. Sono tuttora presenti molti fenomeni di vulcanesimo secondario, prevalentemente acque calde e soffioni di vapore.

Scopriamo insieme sette cose da vedere assolutamente sull’isola.

1 - Lago Specchio di Venere. Si tratta di un lago naturale che occupa il cratere di un vulcano in contrada Bugeber, situato, più o meno, al centro dell’isola. Viene chiamato così perché la leggenda racconta che qui si specchiasse Venere prima di incontrare Bacco. Lo scenario è eccezionale e il lago è famoso per i fanghi termali dalle proprietà benefiche. 
 

2 - Arco dell’elefante. La località balneare prende questo nome per l’enorme scoglio di pietra lavica a forma di proboscide di elefante, entrando in acqua crea un grande arco. E’ uno dei luoghi simbolo di Pantelleria. 
 

3 - Laghetto delle ondine. Si tratta di un piccolo lago naturale nella località Punta Spadillo e si trova a confine con il mare: lo contiene una parete rocciosa. Quando il mare è agitato è un punto molto protetto per chi desidera fare il bagno.
 

4 - Balata dei Turchi. Si tratta di un paradiso terrestre che un tempo, si racconta, fosse uno scalo naturale utilizzato dai pirati. Qui il colore del mare è sensazionale. 
 
 

Maestosità. #pantelleria #balatadeiturchi

Un post condiviso da Marzia 🐘🎈 (@gnappola_) in data:


5 - Cala Tramontana. Qui sono state ritrovate di più di 3000 monete puniche di bronzo. Le monete sono state datate tra il 264 e il 241 a.C. e si pensa che provenissero da una nave cartaginese e che servissero a finanziare una missione bellica dei Cartaginesi contro i Romani. Alcune monete sono oggi esposte al Castello di Pantelleria.
 
 

Un tuffo nel passato ma anche nel passito #calatramontana

Un post condiviso da Elena Piscitelli (@elenatelli) in data:



6 - Le favare. Le favare sono getti di vapore acqueo che fuoriescono dalle fessure nella roccia, arrivando anche a 100°C. Il panorama di cui si gode da qui è sensazionale.
 
 

Giorno 9. Favare:il respiro dell'isola,getti di vapore fino a 100 gradi. #pantelleria#favare#volgotrapani#perlaneradelmediterraneo

Un post condiviso da Elisabeth_Anselmi (@elisabeth_anselmi) in data:



7 - I dammusi. I dammusi sono le costruzioni tipiche dell’isola, costituiti da muri spessi in pietra lavica e tetti a cupola. Sono molto richiesti per i soggiorni turistici. 
 
 

#dammusi #tetti #colori #armonia

Un post condiviso da Anna Rita Silvio (@la.mora1971) in data:

 
Venerdì 4 Agosto 2017 - Ultimo aggiornamento: 16:13
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
DALLA HOME