Una cascata di sangue tra i ghiacciai dell'Antartide: ecco cosa nasconde

Una cascata di sangue tra i ghiacciai dell'Antartide: ecco cosa nasconde

  • 153
    share
Per tanti anni quell'acqua rossastra che sgorgava tra i ghiacciai aveva incuriosito e soprattutto intimorito l'uomo; in assenza di una solida base scientifica che potesse dare una spiegazione, il colore aveva conferito a quella sorgente d'acqua il nome di 'Blood Falls', 'cascate di sangue'.



Siamo in Antartide, poco a ovest del lago Bonney. Il primo a scoprire queste strane cascate, in cui l'acqua di color rossastro si fonde col bianco dei ghiacciai, fu l'esploratore australiano Griffith Taylor nel 1911. Le prime analisi condotte all'epoca avevano smentito che potesse trattarsi di sangue umano o animale, ma il mistero dell'origine di una cascata così strana era lungi dall'essere risolto.



Solo con i progressi della tecnologia i ricercatori sono riusciti, diversi anni più tardi, a scoprire la causa di quello che era stato un mistero quasi spaventoso. Si è scoperto che in quel punto l'acqua sgorga da un enorme lago salato sotterraneo e nel suo percorso viene contaminata da notevoli concentrazioni di ferro, che a contatto con l'aria, una volta in superficie, si ossida e fa sì che il ghiaccio diventi di color ruggine. L'acqua sotterranea, essendo salina, ha un punto di congelamento differente da quella in superficie ed è così che il ferro riesce a mantenere uno stato liquido quando sgorga in superficie, 'macchiando' così indelebilmente l'acqua e il ghiaccio.
Martedì 26 Settembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 13:41
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
DALLA HOME