Nomadi Dentro: la musica, la storia, l'Italia - il live teatrale della band
di Stefania Cigarini

Nomadi Dentro: la musica, la storia, l'Italia - il live teatrale della band

Cinquant’anni e passa di carriera e la necessità di ribadire l’identità della band. Perché i Nomadi rappresentano una peculiarità della musica italiana: sempre in pista, senza ammiccare alle mode e con un seguito di fan ormai alla quarta generazione.
Il nuovo album - summa della filosofia della band emiliana - si intitola Nomadi dentro - e Beppe Carletti insieme agli altri lo porterà in concerto a Roma. 
Che disco è?
«Ricordiamo le atmosfere degli anni Sessanta e Settanta, ma affrontiamo anche temi del mondo che ci circonda. Ci sono canzoni che parlano dell’Europa e di quello che ci sta accadendo».
Canzoni come politica?
«No, speriamo solo di arrivare al cuore della gente. Perché un conto è fare rap, un conto è cantare le cose. Non pensiamo di essere meglio di un rapper, ma che cantare una melodia permetta alla gente di seguirci meglio».
Siete tra le band più longeve d’Italia, ma non siete di moda
«Mai stati e mai cercato di essere di moda. Forse i fan ci seguono per questo, ai concerti ci sono bimbi di dieci anni che cantano le nostre canzoni a memoria. All’epoca della discomusic ci davano per spacciati e invece siamo qui. Non siamo più bravi degli altri, ma crediamo in quello che facciamo e, soprattutto, ci divertiamo moltissimo nel farlo»
Come è possibile?
«Forse perché veniamo tutti da piccoli paesi realtà diverse rispetto alle grandi città. È più facile restare con i piedi per terra».
Eppure resta solo lei del gruppo originale
«Da quando è morto Augusto (Daolio, leader della band, ndr) sono passati ventitré elementi, Yuri Cilloni è la quarta voce del gruppo in ordine cronologico. Abbiamo cambiato pelle tante volte, ma la gente sente che siamo sempre noi, quelli che trasmettono emozioni suonando per davvero».
La collaborazione con amici di vecchia data:​Francesco Guccini e di Alberto Salerno
«È stato bellissimo, il gusto di suggellare un rapporto pulito. Con Francesco è stata una unione senza scopo di lucro, come la chiamo io. Alberto si è offerto di scriverci la canzone e questo dice molto del nostro rapporto».
Il tour teatrale
«È un vero spettacolo, da vedere ed ascoltare. Da gustare, perché dietro c’è una storia. La nostra storia». 
riproduzione riservata ®
 I Nomadi live sabato 27 gennaio alle 21, Parco della Musica, v.le P. de Coubertin 30, Roma bigl 21.75 a 39.15 euro, www.auditorium.com
Giovedì 25 Gennaio 2018 - Ultimo aggiornamento: 29-01-2018 10:36
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
DALLA HOME