Ira Asia Argento su Twitter: "Se denunci uno stupro in Italia sei tu la troia"

  • 108
    share
"Solo in Italia vengo considerata colpevole del mio stupro perché non ne parlai quando avevo 21 anni ed ero terrorizzata. Sono delusa, triste". E' l'amaro sfogo di Asia Argento che, su Twitter, parla delle reazioni ricevute dopo la rivelazione fatta al 'New Yorker' in merito all'abuso sessuale subito nel 1997 da parte di Harvey Weinstein. In un successivo tweet Asia è ancora più furiosa: "Se denunci, sei tu la troia".





LEGGI ANCHE ---> WEINSTEIN ROMPE IL SILENZIO
 


 
 
Oltre all'attrice e regista italiana, sono molte le star di Hollywood, modelle, assistenti ed ex dipendenti della società del noto produttore cinematografico ad aver raccontato di aver subìto violenze in passato.

A lanciare la bomba è stato il 'New York Times' che ha pubblicato un'inchiesta, basata su numerose testimonianze, in cui il produttore di film di successo come 'Pulp Fiction' e 'Shakespeare in Love' è accusato di aver molestato molte donne negli ultimi 30 anni.
Giovedì 12 Ottobre 2017 - Ultimo aggiornamento: 12:48
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2017-10-12 11:24:39
non sei credibile, sei assolutista a scoppio ritardato e di molto. ovviamente gli stupri esistono , e purtroppo esisteranno ancora ma va fatta una separazione. il caso di Asia , nulla ha che vedere con lo stupro, al massimo un rapporto consenziente, per motivi ristretti a Lei, ormai nel cassetto chiuso e impolverato da anni. ma puo consolarsi, esistono anche donne minori che se non pagate o pagate male, denunciano uno stupro, e quelle che , a seconda del momento, denunciano uno stupro dopo rapporto con consenso , magari anche molto piacevole. poi ci sono gli stupri veri, documentati e ineccepibili, quelli vanno puniti con tutta la severità ma in Italia ti danno una medaglia, al momento di bronzo
2017-10-12 11:05:00
No cara nn e'come dici tu!hai messo al primo posto la carriera e nn il tuo pudore....l'hai dichiarato tu stessa che avevi paura che ti avrebbe rovinato il futuro....almeno ora dopo 20 anni stai zitta...lui e'da condannare "ovviamente"
DALLA HOME