Papa Francesco, discorso con l'influenza: "Avanti con la riforma contro le malattie della curia"
di Franca Giansoldati

Papa Francesco, discorso con l'influenza:
"Avanti contro le malattie della curia"

CITTA' DEL VATICANO - “Vi chiedo scusa di non parlare in piedi ma da alcuni giorni sono sotto l'influenza e non mi sento tanto forte". Con queste semplici parole Papa Francesco ha iniziato il suo tradizionale discorso alla Curia per lo scambio degli auguri di Natale, un momento di bilancio per tutti, utilizzato per passare in rassegna agli eventi più significativi della vita all'interno del piccolo stato. Se l'anno scorso Bergoglio aveva sferzato l'apparato amministrativo, elencando i 15 mali da estirpare per rendere Roma più vicina alle periferie, quest'anno ha assicurato che la riforma della Curia romana, iniziata all'indomani della sua elezione, "andrà avanti con determinazione, lucidità e risolutezza, perché 'Ecclesia semper reformanda'". Un messaggio chiaro e semplice, diretto tanto all''interno che all'esterno del Vaticano per fare capire che indietro non torna, e che non basta un processo come quello di Vatileaks, a rallentare il cammino. Anzi.

"Le malattie e perfino gli scandali - ha aggiunto Francesco - non potranno nascondere l`efficienza dei servizi, che la Curia Romana con fatica, con responsabilità, con impegno e dedizione rende al Papa e a tutta la Chiesa, e questa è una vera consolazione". Francesco ha poi citato il fondatore della Compagnia di Gesù, Sant`Ignazio, ricordando che "è proprio dello spirito cattivo rimordere, rattristare, porre difficoltà e turbare con false ragioni, per impedire di andare avanti; invece è proprio dello spirito buono dare coraggio ed energie, consolazioni e lacrime, ispirazioni e serenità, diminuendo e rimuovendo ogni difficoltà, per andare avanti nella via del bene".

Il Papa ha voluto esprimere "una sentita gratitudine e un doveroso incoraggiamento - ha detto - a tutte le persone sane e oneste che lavorano con dedizione, devozione, fedeltà e professionalità, offrendo alla Chiesa e al Successore di Pietro il conforto delle loro solidarietà e obbedienza, nonché delle loro generose preghiere”.

Lunedì 21 Dicembre 2015 - Ultimo aggiornamento: 14:43
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2016-02-09 12:13:21
Papa Francesco sa cos'è la povertà, Lui ha vissuto tra i poveri, dovrebbe dire ai nostri sacerdoti che chi è in Cristo e nella vera Fede non ha bisogno di denaro, gloria e di sesso, Dio riempie la vita ti basta poco per andare avanti e sei sempre felice, provare per credere quando si ha fede veramente. Ma chi è in Cristo non ammette ingiustizie e non scende a compromessi, non accetta la violenza sui minori, il perdona lo lascia a Dio, chi sbaglia paga specialmente i pedofili.
DALLA HOME