Smartphone in classe, la direttiva li vieta ma sempre più studenti li usano (e non temono conseguenze)

Smartphone in classe, la direttiva li vieta ma sempre più studenti li usano (e non temono conseguenze)

Smartphone accesi durante l’orario scolastico: un dibattito che ha animato la prima campanella e che farà sicuramente discutere quando le norme, preannunciate dalla ministra dell’Istruzione Valeria Fedeli, vedranno la luce. Ma cosa ne pensano gli studenti? Secondo loro, le nuove regole sarebbero un modo per adeguarsi ad una situazione che già esiste. Skuola.net lo ha verificato intervistando 4mila ragazzi di medie e superiori.

Infatti la scuola, in questi anni, ha saputo in qualche modo autodisciplinarsi. Ormai nella maggior parte delle classi lo smartphone è entrato di diritto tra i supporti per la didattica. Circa il 9% degli intervistati dice che tutti i prof hanno ‘adottato’ il cellulare per spiegare; per il 47%, invece, si tratta solo di alcuni dei docenti. Ma che uso se ne fa? A più di 1 ragazzo su 3 – il 36% - viene chiesto di accenderlo per approfondire le spiegazioni; nel 13% dei casi per usare App durante lezioni e compiti in classe; la stessa percentuale (13%) lo sfrutta per prendere appunti e organizzare lo studio.
Tuttavia gli studenti sono ancora parzialmente scettici che sia davvero utile ufficializzare l’uso didattico dello smartphone. Solo il 21% di quelli che lo fanno è soddisfatto. Ma la metà – il 50% - si lamenta che i docenti ne sappiano meno di loro sull’argomento, rendendo di fatto poco costruttivo l’uso che se ne fa a scuola. E quasi un terzo – il 29% - è molto perplesso: per loro è perfettamente inutile il modo con cui sinora i professori si sono approcciati allo strumento.

L’unica cosa su cui potrebbe sul serio incidere una disciplina sull’uso degli smartphone a scuola è scoraggiare i ragazzi a maneggiare il cellulare durante le ore di lezione per scopi personali. Lo fa quotidianamente quasi la metà degli studenti: il 16% per chattare con gli amici, il 13% per controllare cosa succede sui social network, il 12% per fare ricerche su Internet (magari per aiutare i compagni durante le interrogazioni), il 4% per svolgere i compiti in classe o direttamente per giocare. In barba alla direttiva attualmente vigente – ma datata 2007, in epoca pre-smartphone – che impone di tenere i telefoni rigorosamente spenti fino all’ultima campanella della giornata.
Ma non è detto che le nuove norme funzionino: solo per il 23% degli studenti è giusto metterle nero su bianco per rendere più difficile trasgredire; mentre per il 42%, pur applaudendo l’iniziativa del Miur, ciò non impedirà di usare i telefoni per motivi non didattici. Per il 28%, invece, non serve proprio a nulla: non cambierà le cose. Alla fine, appena il 7% è spaventato, temendo di non poter più usare lo smartphone a piacimento.
Venerdì 15 Settembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 17:35
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2017-10-04 19:07:59
@Sanchezmusics,,,sarebbe una buona idea...
2017-09-17 12:24:07
se davvero si vuole che non si portano in classe, un sistema lo si trova. Certo non dico che bisogna perquisirli, perchè sarebbe esagerato, ma quantomeno dare delle pene severe e non la sospensione, perchè a molti (i poco volenterosi) fa comodo, ma una bella multa salata e qualora questa non venga pagata entro i 60 giorni, si viene bocciati in automatico. Punto. semplice e funzionale. Vuoi vedere come con il tempo gli passa la voglia di trasgredire la regola quando vedono che all'istituto sono severissimi su questa cosa e non sentono ragioni. Riassumo la mia proposta... Beccato con il cell in classe? Multa di almeno 150€. Non la paghi entro 60 giorni? Bocciato in automatico e ti rifai l'anno scolastico d'accapo senza se e senza ma. Stop. Credetemi, gli passerà la voglia anche "ai bulletti" che vogliono fare i fighi trasgredendo le regole.
DALLA HOME