È cominciato in Usa il fenomeno planetario: tra vampiri, dragoni e profezie

Usa, è cominciata l'eclissi del secolo tra vampiri, dragoni e profezie

"The Great American Eclipse" è iniziata. Il sole sarà oscurato completamente dalla luna a partire dallo stato dell'Oregon, con il fenomeno che nell'arco di un'ora e mezza attraverserà - come non accadeva da 99 anni - 14 stati Usa fino alla South Carolina. Circa 200 milioni di americani assistono allo spettacolo, che può essere seguito qui in diretta in tutto il mondo sul sito della Nasa.

Anche Donald Trump e Melania osserveranno l' eclissi di sole in Usa: il presidente e la first lady la ammireranno dal Truman balcony della Casa Bianca. Lo rende noto la stessa Casa Bianca. Con le eclissi solari non si è mai scherzato. Imprevedibili ed incomprensibili, le ombre sul pianeta della luce sono state dall'antichità sino ad oggi presagio più di sventure imminenti che di buone notizie. Disgrazie in arrivo da cui difendersi ad ogni costo. Mentre oggi a milioni rincorrono su e giù per le strade Usa l'eclissi totale del secolo, per gli indiani Chippewa del Nord America bisognava "riaccendere il sole" a tutti costi: le frecce lanciate dalle tribù schierate contro il cielo vincevano sempre, passata misteriosamente l'eclisse.
 

La lotta dei tartari della Siberia era invece contro un vampiro maligno, che una volta risucchiato il sole in bocca, si scottava improvvisamente la lingua e lo risputava fuori in tutta fretta. Pragmatici, gli antichi cinesi sbattevano come matti tamburi, pentole e quant'altro a tiro, per spaventare i dragoni mangia-sole. Ben più pacifica la strategia Hindu per dar forza all'astro solare di combattere i mostri che lo inghiottivano: immergersi nel Gange purificatore e potente. Per le tribù dell'Alaska, l'eclisse era segno di un sole ammalato: meglio allora nascondere pentole, utensili per cucinare e loro stessi da quegli strani raggi per evitare contagi.

Più allegre le interpretazioni fantasmagoriche di poche tribù aborigene: i Tlingit dell'Australia immaginavano il sole e la luna innamorati in un breve amplesso, nascosto dietro una pudica tendina, abbassata all'uopo. Per gli aborigeni della Guyana, invece, si trattava della storia della rivalità tra fratello Sole e sorella Luna: l'oscurità dell'eclisse significava che uno dei fratelli era stato sbattuto fuori, lasciandone alla vista solo l'altro. Senza timori, le fantasie della tribù canadese "Bella Cola": il sole perde la luce solo perché, maldestro e distratto, ha fatto cadere la torcia che ha sempre in mano.

Feroci gli atzechi, che secondo alcuni storici offrivano sacrifici umani per prevenire le eclissi solari. Ma anche oggi, nei mesi e persino nelle ore che precedono l'evento celeste 2017, in molti hanno hanno lanciato consigli e inviti allo stare in guardia. Praticanti di teorie olistiche, profeti delle cure energetiche, astrologi e gente comune predicano che sia bene non stare all'aperto durante l'eclisse. L'alterazione nell'elettromagnetismo atmosferico potrebbe far danni. Meglio allora abbassare tende e tapparelle, starsene in casa. Se possibile digiunare, chiudere gli occhi e su un bel cuscino a gambe incrociate meditare sulle meraviglie dell'universo.

 
Lunedì 21 Agosto 2017 - Ultimo aggiornamento: 23-08-2017 14:11
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
DALLA HOME