Gli effetti del cambiamento climatico sulle malattie: "Aumentano i rischi"
di Rosita Rijtano

Gli effetti del cambiamento climatico sulle malattie: "Aumentano i rischi"

  • 51
    share
Non solo esseri umani, anche virus e batteri sono sensibili al meteo: è in grado di mutare la loro distribuzione geografica, di alterare la loro incidenza quanto la gravità. E sulla diffusione delle malattie un effetto maggiore di quello fino a oggi immaginato può averlo il cambiamento climatico, di cui sono un esempio le ondate di calore che in queste ore stanno stringendo l'Italia nella morsa dell'afa. È quanto emerge da una nuova ricerca condotta dall'università di Liverpool e pubblicata sulla rivista scientifica Scientific Reports.

Uno studio che ha valutato, per la prima volta in modo dettagliato, l'impatto delle condizioni atmosferiche sui patogeni europei: cioè quei microrganismi responsabili di trasmettere i malanni negli esseri umani e negli animali del Vecchio continente. «Tra cambiamento climatico e malattie infettive c'è una connessione comprovata, ma prima non capivamo quanto grande fosse il suo effetto e quali le malattie più affette», spiega Marie McIntyre, l'epidemiologa che ha coordinato lo studio.

Per capirne meglio la portata gli scienziati hanno revisionato la letteratura scientifica, pubblicata al momento, su cento agenti patogeni per l'essere umano e cento per gli animali domestici presenti in Europa che hanno le conseguenze più significative sulla nostra salute. Analizzando i risultati, gli studiosi hanno scoperto che il 63 percento dei microrganismi esaminati subisce gli effetti del clima. Le malattie maggiormente sensibili sono quelle veicolate da insetti e zecche, seguite da quelle diffuse attraverso il terreno, l'acqua e il cibo. Non solo, gli agenti patogeni zoonotici (che trasmettono le patologie dall'animale a noi) sono quelli più influenzati, in molteplici modi, da vari aspetti del clima.

Lo studio «aiuta a dare priorità alla sorveglianza per i patogeni che rispondono al cambiamento climatico», scrivono gli autori degli analisi. Ma specificano che: le conseguenze del meteo su questi microrganismi variano a seconda di altri fattori come il mutamento delle tratte di viaggio e commercio, l'utilizzo del terreno, la deforestazione e un'evoluzione della resistenza agli antibiotici. 
Mercoledì 2 Agosto 2017 - Ultimo aggiornamento: 03-08-2017 14:44
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
DALLA HOME