Leucemia, funziona il trapianto da genitori incompatibili. "Possibile guarigione per centinaia di bimbi"

Leucemia, funziona il trapianto da genitori incompatibili. "Possibile guarigione per centinaia di bimbi"

ROMA - Il trapianto di midollo da genitori - che mai sono completamente compatibili con i figli - in bimbi con leucemie e tumori del sangue ha dimostrato di offrire le stesse probabilità di guarigione del trapianto da donatore compatibile.



È il risultato di un'innovativa tecnica di manipolazione delle cellule staminali sviluppata dall'Ospedale Bambino Gesù, già applicata a immunodeficienze e malattie genetiche e allargata ora a leucemie pediatriche e tumori del sangue. È, per gli esperti, «un'occasione di guarigione definitiva per centinaia di bimbi in Italia e nel mondo».

I risultati, «eccezionali» secondo gli esperti, di questa sperimentazione - potenzialmente applicabile a centinaia di bambini in Italia e nel mondo - sono stati pubblicati sulla rivista scientifica internazionale Blood e rilanciati dalla Società Americana di Ematologia.

Il metodo - messo a punto dall'équipe di Franco Locatelli, direttore del Dipartimento di Oncoematologia e Medicina Trasfusionale al Bambino Gesù - era già stato applicato e pubblicata per quanto riguarda le immunodeficienze e malattie genetiche (talassemie, anemie). Il nuovo studio allarga le patologie trattabili a leucemie e tumori del sangue. Dunque, anche in assenza di un donatore completamente compatibile, la tecnica rende possibile il trapianto di midollo da uno dei 2 genitori con percentuali di guarigione sovrapponibili a quelle ottenute utilizzando un donatore perfettamente idoneo. In particolare, la procedura di trattamento cellulare è stata applicata a 80 pazienti con leucemie acute resistenti o con ricadute e la probabilità di cura definitiva per questi bimbi «è superiore al 70%».

Mercoledì 26 Luglio 2017 - Ultimo aggiornamento: 12:55
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
DALLA HOME