Seguici su Facebook Seguici su Facebook     Lunedì 26 Giugno 2017 | | Oroscopo |
TRENDING TOPICS

I residenti di Centocelle: "Omicidio frutto dell'odio, ma qui non si vive più"

FOTO | 1 COMMENTO
I residenti di Centocelle: "Omicidio frutto dell'odio, ma qui non si vive più"
I residenti portano fiori sul luogo dell'incendio

Giovedì 11 Maggio 2017, 08:53

di Anita Sacconi
Rabbia, paura, indignazione. E ancora insofferenza e solidarietà.  Tra i residenti del Casilino 23 lo sgomento si alterna a momenti commozione, dopo l’incendio che martedì notte ha distrutto un camper nel parcheggio adiacente al centro commerciale Primavera uccidendo tre sorelline rom. Tra i mucchi di detriti carbonizzati, gli abitanti della zona manifestano il loro sconcerto contro l’insicurezza e il degrado che pervadono le periferie della città.  «Qui hanno rubato, hanno sfondato le macchine, ma questo è orrore», dice un signore. «Questo è l’odio che c’è, ormai con chiunque parli è un macello, ma stavolta hanno esagerato». E ancora: «Tutti dicono che questi camper si spostano continuamente, rubano in un quartiere e poi se ne vanno. Questo però spesso restava nella zona», commenta un altro.   Oltre un centinaio i cittadini di Villa De Sanctis che ieri si sono ritrovati nel luogo della tragedia per testimoniare vicinanza alla famiglia. Tutti i presenti hanno osservato un minuto di silenzio in memoria delle vittime, seguito da un lungo applauso. Tra i mazzi di fiori, spuntano anche diversi striscioni. Uno, contornato di rose rosse, porta su la scritta: “100celle antirazzista”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


DIVENTA FAN DI LEGGO



PER POTER INVIARE UN COMMENTO DEVI ESSERE REGISTRATO

Se sei già registrato inserisci username e password oppure registrati ora.



Se non ricordi lo Username o la Password clicca qui

1 di 1 commenti presenti
2017-05-11 13:08:44
quello che è successo è un orrore legittimato dal governo che non fa nulla per proteggere i cittadini. La gente è esasperata e fa cose folle. Grazie governo e ben pensanti