Campania, ecco l'autogrill della fortuna:
vinti due milioni con la lotteria Italia
di Lucio Bernardo

Campania, ecco l'autogrill della fortuna:
vinti due milioni con la lotteria Italia

La Lotteria Italia porta due milioni di euro a Caserta, o almeno passano da Caserta visto che il biglietto che si aggiudica il secondo premio è stato venduto sull'A1 Milano-Napoli, nella stazione di servizio San Nicola Est a San Nicola la Strada (direzione Nord), dove è subito partita la caccia al fortunato che, ovviamente, sarà quasi impossibile individuare. È notte quando si apprende la notizia nel punto-ristoro ex Autogrill, passato da dicembre 2014 nella gestione Sarni. La serie e il numero sono: Q 146948. L'ufficializzazione poco prima delle 23 durante la trasmissione «Affari tuoi» della Rai abbinata alla lotteria nazionale. E con la vincita di ieri sera la dea bendata ritorna a distanza di appena un anno a baciare Caserta.

Proprio nel 2015, infatti, nel capoluogo era stato venduto il biglietto fortunato da 1,5 milioni di euro mentre altri 50mila euro erano stati vinti nella vicina San Nicola la Strada con un altro biglietto di fascia inferiore. Il tagliando vincente risultò venduto in un negozio di tabacchi di viale Alberto Beneduce, civico 35. Del fortunato possessore non si è mai saputo nulla. E da più parti erano anche pervenuti inviti a devolvere una somma in beneficenza. E sono stati oltre 800mila (816.850) i biglietti della Lotteria Italia 2015 venduti in Campania, al quarto posto tra le regioni d'Italia con il 9,4% sul totale dei tagliandi staccati. Rispetto allo scorso anno, riferisce Agipronews, il dato è in aumento del 18,7%; tra le città, spetta a Napoli la medaglia d'oro delle vendite, con quasi 426mila biglietti (+13,6%), al secondo posto spicca Salerno con 170mila e un rialzo del 25%.

Terza piazza per Caserta (122mila), che però registra l'incremento più consistente, +38,5%. Chiudono Avellino con 74mila (+12,4%) e Benevento con 24mila (+8,2%). Roma, riferisce Agipronews, resta la provincia leader nella vendita dei biglietti della Lotteria Italia, anche per l'edizione 2015, ed è l'unica a superare il milione di tagliandi staccati, 1.367.370, il 15,7% del totale nazionale (8.689.860), davanti a Milano con 647.630 biglietti e Napoli con 425.940. Ai piedi del podio delle città con il maggior numero di tagliandi venduti Bologna con 290.520; quinto posto per Torino con 278.350, che fa segnare il maggior aumento percentuale (+15,4%) rispetto allo scorso anno. La Lotteria Italia, riferisce Agipronews, conferma il trend di crescita per l'edizione 2015, con 8,7 milioni di biglietti venduti il dato migliora del 13,5% quello dell'anno precedente. Il Lazio si conferma come prima regione per vendite, con 1,7 milioni di tagliandi (il19,5% del totale) con una crescita del 9,3% rispetto allo scorso anno. Unica altra regione sopra il milione di biglietti venduti, anche per questa edizione, è la Lombardia: circa 1,5 milioni (il17% del totale nazionale) il 19,3% in più rispetto a un anno fa. Emilia Romagna e Campania si confermano al terzo e quarto posto per vendite: rispettivamente con 839 mila (+8,8%) e 817 mila biglietti (+18,7%). In definitiva, con 8,7 milioni di biglietti venduti e incassi per 43,5 milioni di euro, la Lotteria Italia 2015 fa registrare il miglior risultato dal 2010: in quell'edizione i tagliandi staccati furono 9,6 milioni, scesi poi a 8 milioni nel 2011, a 6,9 milioni nel 2012, per poi assestarsi a 7,6 milioni nelle ultime due edizioni. Lo rileva Agipronews. L'età d'oro della Lotteria resta ancora il periodo tra gli anni '80 e i '90, quando le vendite erano anche superiori ai 30 milioni di biglietti: il record assoluto appartiene al 1988 con 37,4 milioni di tagliandi staccati. Nell'ultima edizione, in media è stato venduto un biglietto ogni 6 persone, mentre nel periodo di massimo splendore della Lotteria la media era di 1,3, più di un biglietto a persona.
Giovedì 7 Gennaio 2016 - Ultimo aggiornamento: 14:21
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
DALLA HOME