I trentenni e la moda: 10 regole fashion per non sbagliare dopo i 30
di Laura Bolasco

I trentenni e la moda: 10 regole fashion per non sbagliare dopo i 30

  • 86
    share
Un bel giorno ti svegli e di colpo la minigonna in jersey elasticizzato di H&M che ti ha accompagnato negli ultimi 10 anni non sembra più la mise giusta da indossare. Alle Superga di una vita farebbe bene un giro in lavatrice e allo smalto nero sbeccato diventa preferibile un nude trasparente e più durevole. Insomma, una mattina ti svegli che hai 30 anni e se non fosse per quelle due rughette d’espressione che incorniciano il sorriso non ci crederesti neanche tu.
Il tempo stavolta però è dalla nostra parte. Gli errori giovanili come il glitter per make up lasciano spazio alla presa di coscienza e ai pantaloni a sigaretta su misura: l’evoluzione del nostro intimo universo coinvolge, per fortuna, anche il nostro armadio. In che modo? Con 10 piccole grandi regole per celebrare la moda over 30 e noi stesse… perché il meglio deve ancora venire.
 
 

-Investire in una giacca di pelle vera
Le avete viste lacerarsi, bucarsi, sgretolarsi ed ogni volta avete rifatto lo stesso errore. E’ arrivato il momento di comprare una giacca di pelle vera, leggera, profumata e indistruttibile. Sì, l’investimento non sarà dei più economici ma sarà uno dei migliori della vostra vita.
 
-Cashmere invece di acrilico o poliestere
Ogni inverno la stessa storia, un armadio pieno di maglioni quando in fondo ne basterebbe una manciata, ma di quelli buoni. Dopo i 30 anni è necessario un upgrade: a 10 maglioni in poliestere preferitene 4 di setoso, morbido e caldissimo cashmere. Non ve ne pentirete.
 
-Gonna midi invece di mini
C’era al primo appuntamento con lui, la sera del tuo compleanno e in vacanza con le amiche. E’ stata la compagna di mille serate e gloriose avventure e lo sarà per molte altre ancora. Ma se ogni tanto provaste a sostituire la mini con una gonna midi al polpaccio? Il bello dei 30 anni è anche riuscire finalmente a indossare una pencil skirt, senza pensare di somigliare a tua madre.
 
-Blazer is the new cardigan
Con i jeans, le gonne e sugli abiti di ogni tipo: il blazer, ovvero la giacca da tailleur, è il must have di tutte le trentenni. Sostituisce il cardigan di cotone nero a cui abbiamo affidato ogni brivido di freddo degli ultimi decenni ed è un vero classico che si abbina con tutto.
 
-Un abito per occasioni importanti
Avere 30 anni significa essere invitati a feste eleganti e cocktail party. Per non farsi trovare impreparate è buona norma tenere sempre a disposizione nell’armadio un abito all’altezza di queste occasioni, pronto per essere indossato. A fiori, tinta unita o un intramontabile lbd (little black dress) perché nella vita, per fortuna, non si può mai sapere.
 
-Stop ai jeans cheap
Nel guardaroba di una trentenne non può mancare un paio di jeans attillati che si adattano perfettamente alla silhouette. Vale lo stesso discorso dei maglioni: meglio investire in un pantalone in denim più costoso ma resistente piuttosto che acquistarne 5 cheap che presto non riuscirete più a indossare senza cinta.
 
-Un buon paio di decolleté nere
Le decolleté nere sono il passepartout fatto accessorio per eccellenza. Per serate speciali, cerimonie, occasioni importanti o anche solo per quando volete sentirvi chic. Imprescindibile che siano di pelle e di buona fattura. Sceglietele dalla punta regolare, non troppo tonda ma neanche pointy, affinchè resista alle mode del momento. Il tacco? Alto quanto basta perché vi sentiate irresistibili.
 
-Sì ai gioielli no ai bijoux
Dopo i 30 sono banditi categoricamente anelli, collane, ciondoli e orecchini di bigiotteria. I gioielli sono d’oro e d’argento o, in alternativa in tessuto: meglio i bracciali con le perline che dita, polsi e collo “verdi”.
 
-No a borse imitazione di firme internazionali

Anche se questa è una regola che vale tutta la vita, è bene che soprattutto in età responsabile vengano messi al bando tutti gli accessori imitazione di griffe internazionali. L’investimento in un originale è fuori discussione? Puntate sul vintage: più abbordabile ma ugualmente prezioso.
 
-Shorts sì ma con moderazione
Attenzione: non stiamo dicendo che non si debbano più indossare: gli shorts durante la stagione estiva sono un must have a cui non si deve, ancora, rinunciare. E’ bene però imparare a sfoggiarli con moderazione: sì in vacanza nelle località balneari, no la sera per uscire in città; sì per portare il cane al parco, no per andare a pranzo fuori con lui.
 
Martedì 3 Ottobre 2017 - Ultimo aggiornamento: 12:02
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
DALLA HOME