Roma, incubo sui bus Cotral: infermiere conficcava aghi di siringa nei sedili

  • 15
    share
Conficcava aghi di siringhe sui sedili degli autobus Co.tra.l. impiegati sulla tratta Roma Ponte Mammolo-Subiaco. Un italiano di 58 anni, operatore sanitario presso un ospedale della Capitale, è stato denunciato a piede libero dai carabinieri della stazione di Subiaco con l'accusa di lesioni personali aggravate.

La vicenda e le indagini sono partite lo scorso mese di dicembre, dopo i ritrovamenti di aghi di siringa conficcati nei sedili. Nel corso dei vari sopralluoghi effettuati, i carabinieri hanno ricostruito che gli aghi venivano nascosti nelle sedute dei mezzi pubblici, con l'obiettivo di pungere gli ignari viaggiatori.

Le indagini, grazie ai servizi di osservazione e ai sistemi di videosorveglianza installati sugli autobus, hanno consentito ai carabinieri di risalire al 58enne, ritenuto l'autore del gesto. Durante le perquisizioni, delegate della procura di Tivoli, scattate nella sua abitazione e nello spogliatoio del luogo di lavoro, l'uomo è stato trovato in possesso di altri numerosi aghi da siringa e aghi cannula a farfalla, sui quali saranno effettuati accertamenti per verificare l'eventuale presenza di agenti infettivi.

Mercoledì 14 Febbraio 2018 - Ultimo aggiornamento: 16:32
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2018-02-14 16:58:00
la pazzia galoppa in certe teste
2018-02-14 15:16:33
Gli operatori sanitari (O.s.s.) NON sono Infermieri!!!!! Basta confusione !!! La professione infermieristica è definita come intellettuale (iscrizione all’albo, diploma universitario abilitante) Art. 2229 C.C. – La legge determina le professioni intellettuali (la professione infermieristica rientra tra queste) per l’esercizio delle quali è necessaria l’iscrizione in appositi albi o elenchi. L’accertamento dei requisiti per l’iscrizione negli albi o negli elenchi, la tenuta dei medesimi e il potere disciplinare sugli iscritti sono demandati alle associazioni professionali, sotto la vigilanza dello Stato, salvo che la legge disponga diversamente. L’Operatore Socio Sanitario non ha una vera e propria legge che inquadra il suo profilo professionale, ma come già detto un’ accordo tra Stato e Regioni. L’infermiere è il responsabile dell’assistenza generale infermieristica, e non a caso la parola responsabilità appare numerose volte nel codice deontologico dell’infermiere, mentre l’operatore socio sanitario svolge le sue funzioni in collaborazione con gli altri operatori professionali per soddisfare i bisogni primari e favorire il benessere e l’autonomia dell’utente ( Art.1 Provvedimento Conferenza Stato Regioni 22/02/2002). Chiaro?
DALLA HOME