Imbrattano il metrò, writer condannati  a risarcire Comune e Atm
di Angela Calzoni

Deturparono i treni fermi in deposito, i due graffitari spagnoli verseranno 1500 euro al Comune e altrettanti a Atm

Erano stati beccati nel febbraio scorso mentre riempivano di graffiti e tag un treno della metropolitana nel deposito di San Donato Milanese. Due writer spagnoli, in trasferta on Italia con le bombolette spray, hanno deciso di risarcire Palazzo Marino con circa 1500 euro e di versare la stessa somma anche a Atm. Cifre che hanno spianato la strada per una condanna più lieve.

Ai due ragazzi, infatti, il Tribunale ha inflitto solo due mesi di reclusione con pena sospesa. Il pm, invece, aveva sollecitato una condanna a un anno di carcere. È finito così uno dei tanti processi agli “artisti” che quasi ogni notte utilizzano come tele i treni della metropolitana, i tram e i muri grigi della città, che riempiono di scritte, tag e colori. I vari gruppi si sfidano a colpi di spray e colore e si contendono il territorrio. Spesso ci sono anche crew straniere che arrivano a Milano per decorare le superfici do cemento o sfidare altri gruppi con disegni e graffiti. Per i due giovani spagnoli, difesi dal legale Gloria Bordanzi, il giudice della seconda sezione penale Mariantonia Monfredi, che ha derubricato il reato contestato da danneggiamento aggravato a imbrattamento, ha anche disposto il dissequestro di macchine fotografiche e cellulari con cui avevano ripreso le loro azioni. Confiscate, invece, le bombolette spray.

Per i due writer, bloccati dalla polizia locale dopo un inseguimento nel deposito Atm di San Donato Milanese in via Impastato, era scattato anche il “daspo urbano”. La misura, entrata in vigore nei mesi scorsi, prevede il divieto di avvicinarsi per 48 ore a linee e fermate della metropolitana. Il Tribunale ha concesso agli imputati le attenuanti generiche, stabilendo la sospensione e la non menzione della pena.

Mercoledì 11 Ottobre 2017 - Ultimo aggiornamento: 23:30
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
DALLA HOME