Noemi, pugni in faccia prima di essere uccisa: così come denunciò la madre
di Erasmo MARINAZZO

Noemi, pugni in faccia prima di essere uccisa
Così come denunciò la madre

  • 639
    share
Pugni in faccia. Una sfuriata che non avrebbe risparmiato nulla a Noemi Durini prima che una coltellata al collo le togliesse la vita a 16 anni. Qualche nuovo dettaglio dall’autopsia di martedì scorso sul corpo della giovane ragazza di Specchia scomparsa il 3 settembre e ritrovata dieci giorni dopo nelle campagna fra Castrignano del Capo e Santa Maria di Leuca. Qualche nuovo dettaglio che sembra confermare l’aggravante della crudeltà contestata all’omicida reoconfesso L.M., 17 anni, di Alessano, fidanzato della vittima, insieme alla premeditazione e ai futili motivi. E che rimette ancora in discussione la sua credibilità: nulla, o quasi, di quanto emerso dai primi rilievi, era stato riferito da L.M. durante l’interrogatorio con i magistrati della Procura per i minorenni che hanno poi emesso un decreto di fermo.
Sotto al volto sfigurato dal passare dei giorni e dagli agenti esterni, i medici legali (Roberto Vaglio per la Procura, Ermenegildo Colosimo per l’indagato e Francesco Introna per la madre della ragazza) hanno trovato i segni del pestaggio. I colpi sul viso. Come quelli che la madre di Noemi notò una sera vedendo la figlia rientrare a casa e che la indussero a presentare una denuncia per lesioni e per violenza privata, finita poi all’attenzione della magistratura dei minori.
Come se, insomma, L.M., abbia percosso la ragazza avendola di fronte: senza prenderla alla sprovvista, ma a viso aperto. Lesioni analoghe sono state trovate sulle braccia e sulle gambe, mentre sulla testa sono state notati diversi colpi di coltello. Tutti superficiali, uno ha causato lo spezzamento dell’ultima parte dell’arma, un frammento trovato poi nel corso dell’autopsia. E poi quella coltellata al collo che - salvo diverse conclusioni della consulenza attesa per la metà di novembre - dovrebbe aver sancito la fine di una storia d’amore controversa e violenta.

Lunedì 25 Settembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 15:08
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
DALLA HOME