La ministra dell'Istruzione Fedeli scrive una lettera al giornale ma scivola sul congiuntivo, frecciate sui social

La ministra Valeria Fedeli scivola sul tempo del congiuntivo, frecciate sui social

  • 563
    share
Scivolone da matita blu per la ministra dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, Valeria Fedeli, nella lettera al Corriere della Sera sulla necessità di studiare la Storia in maniera approfondita. Nella parte finale della lettera, come ha fatto notare anche l'account Instagram “Non leggerlo”, la ministra scrive: «... sarebbe opportuno che lo studio della Storia non si fermasse tra le pareti delle aule scolastiche ma prosegua anche lungo i percorsi professionali. Questo se non vogliamo sentirci rispondere anche da un adulto: “Hitler chi?”».



Sul quel "prosegua" (congiuntivo presente) il Ministro scivola, perché il tempo del congiuntivo da usare in questo caso è l'imperfetto (proseguisse). Studiare la Storia sì, ma senza dimenticare la consecutio temporum.
Sabato 16 Dicembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 21:02
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
2017-12-18 23:08:30
Ma con tutti i plurilaureati che ci sono nel nostro Paese Gentiloni è andato a scegliere una sindacalista con un diploma da assistente sociale come ministro della pubblica istruzione. Questo sembra essere uno schiaffo a tutti gli insegnanti e prof. universitari. Se proprio era costretto a dare una poltrona ad una sindacalista poteva inserirla alle pari opportunità.
2017-12-18 16:40:26
e che t'aspetti..... manco forse er diploma ha stè poveretta
2017-12-18 09:47:24
Grande Ministro dell'Istruzione....
DALLA HOME