Difende un'amica in discoteca, 18enne seguito e pestato a sangue nel parcheggio
di Gaia Bortolussi

Difende un'amica in discoteca, 18enne seguito e pestato a sangue nel parcheggio

«Se sto bene, sabato torno in discoteca»: così Giacomo Nardo, 18 anni, il ragazzo di Camponogara che sabato sera è stato picchiato da due suoi coetanei nel parcheggio di una discoteca di Tremarende, nel Padovano. Dopo lo choc iniziale, e i due giorni di ricovero all'ospedale di Dolo, il ragazzo vuole ripartire e affronta il brutto episodio con la positività tipica di un giovane della sua età: «Io ho solo fatto un gesto buono, ho difeso una mia amica, che conosco da quando siamo piccoli, e se tornassi indietro lo rifarei. La stavano importunando, io sono intervenuto mandandoli via, forse con un po' di aggressività ma solo nelle parole, per difenderla. Solo che a fine serata loro sono passati ai fatti».

Il diciottenne, seguito nel parcheggio della discoteca, si è voltato per vedere chi lo stesse chiamando e lì è stato colpito: prima con un pugno ben assestato che gli ha spaccato il labbro, poi con un calcio che gli ha rotto il naso, finché era già a terra stordito. Poi sono seguiti altri colpi che gli hanno provocato varie contusioni al volto e al corpo. «Ho saputo - racconta Giacomo - che uno dei ragazzi che mi ha aggredito probabilmente fa arti marziali miste, dunque sapeva come colpire per fare del male. Il pensiero che potesse andarmi peggio di così è la cosa che più mi ha spaventato».
 
Giovedì 12 Ottobre 2017 - Ultimo aggiornamento: 09:42
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2017-10-12 11:07:24
Ogni volta le solite tragedie...xche'fuori dalle discoteche nn mettono dei vigilantes???xche'e'inevitabile dpo una serata di coctail sono tutti un po'alticci!!!!
DALLA HOME