Victoria muore a un anno azzannata dai suoi PitBull, indagato il nonno: "Ha cercato di salvare la piccola"

  • 1,1 mila
    share
Era sola in casa con il nonno, è uscita nel piccolo giardino lastricato per giocare con i suoi due cani quando gli animali l'hanno aggredita, uccidendola. Così a Flero, in provincia di Brescia, è morta in serata una bambina di poco più di un anno, Victoria. Sbranata da due pitbull che non le hanno lasciato scampo. Inutile il tentativo del nonno, anche lui ferito dai morsi, di difendere la bambina che è morta per le ferite alla testa.





La mamma della piccola, bresciana di 22 anni, non era in casa, mentre il padre, di origini albanesi, lavora all'estero, in Germania dove si è trasferito dopo aver perso il lavoro in Italia.






Quando i carabinieri sono arrivati nella villetta a schiera in via XX settembre, zona residenziale del paese, hanno dovuto abbattere i due pitbull che impedivano ai militari l'ingresso in casa.





Poi è arrivata anche la madre della bambina che ha urlato tanto da attirare l'attenzione dei vicini di casa, già richiamati dalle sirene delle ambulanze arrivate per soccorrere nonno e nipotina.






Il nonno materno è stato ricoverato in ospedale, ma non è in pericolo di vita. Sotto choc la madre, pure lei ricoverata in ospedale.

«Solo il papà della bambina sapeva gestire quei due cani» raccontano alcuni vicini di casa. I pitbull della famiglia della bambina avrebbero già in passato aggredito altri cani in paese.





Non è chiaro che cosa abbia fatto scattare il raptus degli animali. La Procura di Brescia ha aperto un'inchiesta per omicidio con il sostituto procuratore Roberta Panico che sta vagliando la posizione del nonno della bambina per omessa custodia della minore.





INDAGATO IL NONNO Nel paese scosso dal dramma in tanti sono convinti: «Quella della piccola Victoria è una tragedia annunciata». Lo ripetono i residenti di Flero, nel Bresciano, che hanno incrociato negli ultimi tempi i due cani pitbull che ieri sera hanno azzannato a morte Victoria, bambina di 13 mesi che stava giocando nel giardino di casa, dopo essere sfuggita al controllo del nonno paterno che era in casa con lei. Una distrazione fatale perché in un attimo la bambina, che forse si è diretta verso la ciotola dei due cani, è stata aggredita e sbranata. «Non c'è punto del corpicino che non sia stato morso» è la tesi di chi ha prestato i primi soccorsi, risultati inutili.

Ferito anche il nonno, 63 anni di origini albanesi, ricoverato in ospedale a Brescia per i morsi a gambe e braccia e ora iscritto nel registro degli indagati dal sostituto procuratore Roberta Panico che indaga per omicidio colposo per omessa custodia. Al nonno viene contestato il fatto di non aver prestato attenzione alla minore che le era stata affidata dalla nuora, uscita in paese. Nessuna contestazione invece nei confronti dei genitori della bambina, proprietari dei due pitbull che sono stati abbattuti ieri sera dai carabinieri al momento dell'intervento nella villetta a schiera del paese bresciano. Gli animali risultano microchippati e in regola con le vaccinazioni.

A Flero c'è chi racconta che i due cani avessero già aggredito altri animali all'interno del parco del paese e sarebbero almeno due i casi in cui gli animali sono scappati dal giardinetto di casa. «Voci sull'aggressività dei due animali le abbiamo sentite anche noi, ma nessuno ha mai presentato denuncia» assicura il sindaco di Flero Pietro Alberti. «Se solo qualcuno avesse sporto denuncia forse avremmo potuto evitare quanto accaduto» si rammarica. Sotto choc la madre della bambina, 22 anni bresciana, raggiunta nella notte dal marito di origini albanesi che era in Germania per lavoro. Si sono chiusi nel silenzio della loro abitazione dove ancora sono evidenti i segni della tragedia. I genitori aspettano ora il nullaosta della Procura per la sepoltura della loro bambina.
.



Leggi anche AGGREDITE DA DUE PITBULL IN CASA E COSTRETTE A CALARSI DALLA FINESTRA: FERITE TRE DONNE, SEDATI I CANI
Domenica 17 Settembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 18-09-2017 19:41
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 11 commenti presenti
2017-09-18 19:21:35
Questi cani vanno tenuti sempre legati sopratutto quando si ha una bimba piccola in casa. Povera anima di Dio. Dispiace un casino. R.I.P.
2017-09-18 11:30:07
Ma quale persona lascia giocare un bambino di un anno da solo con due cani???? Per buoni che siano sono sempre animali ed un bambino piccolo di certo non ha la stazza per potersi difendere. Aggiungiamo poi che i bambini molto piccoli tendono a fare cose "stupide" ai cani: mettegli le dita negli occhi, tirargli la coda, andarli a disturbare mentre mangiano...
2017-09-18 09:35:37
Ormai si difendono più gli animali delle persone. Io ho paura dei cani (tutti, per diversi motivi) e non vedo museruole da nessuna parte. Non solo, se li evito i padroni mi guardano in cagnesco perché li devo amare per forza. Noi nn siamo affatto tutelati, dobbiamo subire le cacche, gli annusi, le leccate e casomai anche i morsi. Gli animali sono animali e nn alternative umane
2017-09-18 13:03:25
Nessuno deve "subire le cacche ed i morsi" sono atteggiamenti puniti dalla legge.
2017-09-18 07:57:03
i cani sono potenzialmente tutti pericolosi e non esistono cani cattivi o buoni per questo vanno adottate le giuste misure. ci sono poi delle razze più rischiose come i pittbull e i rottweiler. ecco tu non li metti in giardino liberi con una bambina di un anno. Mi spiace ma queste cose le sanno tutti ma ormai il cane è diventato uno status symbol tanto da portarselo addirittura nel carrello al supermercato o nel passeggino, senza museruola o guinzaglio, roba da matti. ma di che vogliamo parlare...
DALLA HOME