Fiorella Mannoia, voce combattente: doppio live agli Arcimboldi
di Massimiliano Leva

Fiorella Mannoia, voce combattente: doppio live agli Arcimboldi

«Combattenti lo siamo tutti: chi sul lavoro, chi nella vita privata, chi in amore». Romantica, idealista, legata al suo pubblico come pochi, così Fiorella Mannoia l’uscita del suo nuovo disco “Combattente”. Con queste nuove canzoni arriva domani e venerdì al Teatro degli Arcimboldi, con la prima data ancora con pochi biglietti mentre con la seconda già esaurita.

Per lei, è davvero un momento magico: dopo il secondo posto a Sanremo con “Che sia benedetta”, scritto a quattro mani con Amara, la tournée teatrale che sta portando in giro per l’Italia va a gonfie vele, mentre il suo disco è stato premiato con il secondo posto in classifica. Un album anche con sonorità elettroniche e pop. «Mi sono adatta ai tempi e ai suoni che cambiano. Sono canzoni comunque con un messaggio ben preciso: parlano tutte di donne, ciascuna con un messaggio che è un’esortazione. In fondo credo che chi non lotta per qualcosa ha già fallito. Bisogna sempre provare e poi io sostengo da sempre le donne, soprattutto in questo momento di crisi globale e culturale. Non ho la presunzione di essere l’unica a provarci ma mi piace esortare il mondo femminile a essere felice».

Quanto alla musica, nelle canzoni in scaletta ci saranno dunque tutti i brani più recenti, scritti con la collaborazione di colleghi come Ivano Fossati, Giuliano Sangiorgi, Fabrizio Moro, Cheope, Bungaro. E non mancheranno neppure classici dal suo repertorio come “Il cielo d’Irlanda”, “Sempre per sempre”, “Quello che le donne non dicono”. «Sono sincera, ogni volta che si chiude i sipario per l’ultima data di un tour è sempre un gran fatica e qualche volta mi sono detta: basta, questa è l’ultima. Ma poi ogni volta i rapporto con il pubblico è la cosa più bella che ho».
Mercoledì 17 Maggio 2017 - Ultimo aggiornamento: 10:05
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
DALLA HOME