Tredicenne si uccide sparandosi un colpo di fucile alla testa: Giovanni, figlio del sindaco, lascia un drammatico biglietto

Tredicenne si uccide sparandosi un colpo di fucile alla testa: Giovanni, figlio del sindaco, lascia un drammatico biglietto

  • 1,5 mila
    share
Un 13enne di Galtellì, in provincia di Nuoro, è morto a causa di un colpo di fucile alla testa. Francesco, figlio del sindaco del paese, Giovanni Santo Porcu, si è suicidato. Il ragazzino - riferisce il quotidiano La Nuova Sardegna - ha lasciato un biglietto di saluto ai suoi familiari poi, approfittando dell'assenza dei genitori, entrambi al lavoro, ha compiuto il drammatico gesto utilizzando un fucile da caccia del padre.





A trovarlo riverso in una pozza di sangue è stata la sorella maggiore. I soccorsi arrivati immediatamente sul posto nulla hanno potuto fare per salvarlo, Francesco è morto sul colpo. I carabinieri della Compagnia di Siniscola e del comando provinciale di Nuoro hanno lavorato fino a tarda sera per cercare di capire cosa era successo. Nella villetta del sindaco è arrivato anche il procuratore di Nuoro Andrea Garau. Il corpo del ragazzo si trova all'ospedale San Francesco a disposizione dell'autorità giudiziaria che potrebbe disporre l'autopsia.
Martedì 9 Gennaio 2018 - Ultimo aggiornamento: 10-01-2018 09:59
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2018-01-10 13:20:03
le armi dovrebbero essere tenute per legge in appositi armadietti con lucchetto....troppi bambini ci rimettono la pelle per la superficialità di chi detiene armi in giro x casa. Povero piccolo...
2018-01-10 08:11:24
Povero piccolo, forse l'ennesimo caso di vittime di bullismo.mi dispiace
DALLA HOME