L'uragano Irma devasta i Caraibi: primi morti. Stato d'emergenza in Florida, Georgia e North Carolina. "Evacuata Miami Beach"

  • 304
    share
L'arrivo dell'uragano Irma comincia a mettere in apprensione gran parte della costa orientale degli Satti Uniti. Così, dopo la Florida e la Georgia, anche il North Carolina è in stato di emergenza, dove la tempesta dovrebbe arrivare la prossima settimana. Seppure i venti dovrebbero per allora essersi indeboliti - ha spiegato il governatore Roy Cooper - non si escludono danni elevati.

EVACUATA MIAMI BEACH Con l'avanzare dell'urgano Irma verso la Florida, il probabile impatto è previsto sabato, è stata ordinata l'evacuazione di Miami Beach e di altre località costiere nell'area. Il sindaco della cittadina, definendo Irma «un uragano nucleare» aveva già fatto appello ai residenti ad «andare via subito».





DEVASTAZIONE AI CARAIBI L'uragano Irma si abbatte sui Caraibi e porta devastazione. Secondo quanto riferito dai media locali, quasi il 90% delle strutture dell'isola di Barbuda sarebbe stata distrutta. Si aggrava il bilancio delle vittime. Solo a Saint-Martin i morti sarebbero sei, secondo quanto riportato dai media locali.





L'uragano ha quindi raggiunto Puerto Rico. Gran parte dell'isola è in blackout a causa delle raffiche di vento e delle intense piogge che stanno colpendo la zona. Le autorità inoltre stanno lottando per avere aiuto nei confronti delle piccole isole devastate da Irma. Il primo ministro di Antigua e Barbuda, Gaston Browne, ha detto che quasi tutti gli edifici sono danneggiati e 1.400 abitanti sono senza casa. Browne ha anche aggiunto che un bimbo di due anni è rimasto ucciso mentre la famiglia tentava di fuggire da uno degli edifici danneggiati.





Irma può arrivare a colpire 37 milioni di persone, stima l'Onu, che ha dispiegato squadre umanitarie alle Barbados per lavorare con l'agenzia per la gestione dei disastri dei Caraibi. I funzionari dell'Onu a Haiti sono invece impegnati a offrire l'appoggio necessario al governo locale.

Per la prima volta in sette anni tre uragani si formano contemporaneamente nell'Oceano Atlantico. Mentre Irma si abbatte sui Caraibi a seguirle sono Jose e Katia, che in poche ore da tempeste tropicali sono diventati uragani.

Giro di telefonate di Donald Trump. Il presidente Usa ha avuto colloqui con il governatore di Puerto Rico Ricardo Rossello, con quello della Florida Rick Scott, e con quello delle Isole Vergini americane Kenneth Mapp. Trump li ha rassicurati sull'impegno del governo ad aiutarli.





Anche il Fondo Monetario Internazionale è pronto ad aiutare i suoi stati membri. Lo afferma il direttore generale del Fmi, Christine Lagarde. «Il Fmi è pronto ad aiutare gli stati membri alle prese con le conseguenze di questa catastrofe, offrendo se necessario sostegno finanziario rapido», mette in evidenza Lagarde.

Giovedì 7 Settembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 20:35
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
DALLA HOME