La crisi di coppia? Occhio a come dormite, ci sono dei segnali precisi

La crisi di coppia? Occhio a come dormite, ci sono dei segnali precisi

  • 77
    share
Le ragioni della crisi di coppia possono essere molteplici, così come le avvisaglie: spesso, nelle relazioni che vivono momenti di difficoltà, si parla e si ride di meno, si litiga più spesso e in genere la comunicazione e gli atteggiamenti sono estremamente problematici. Ci sono però altri indizi in grado di far capire se una coppia vive un momento di crisi, e riguardano il modo di dormire. La terapeuta di coppia e sessuologa britannica Kate Taylor li ha illustrati al Sun.



Sappiamo che le coppie, nei momenti più felici, dormono sempre abbracciate: un gesto istintivo, romantico e sensuale al tempo stesso. Quando il sonno avviene in altre posizioni, però, vuol dire che qualcosa non sta andando per il verso giusto. Ecco quali sono le situazioni anomale e i rimedi a cui ricorrere:
1) Non dormire di spalle rispetto al partner: come facilmente intuibile, questo modo di dormire indica una certa chiusura nei confronti del partner, che può essere legata a vari motivi (dalla semplice indisponibilità a fare sesso alla propensione a non voler affrontare problemi). Il consiglio di Kate Taylor è quello di dormire faccia a faccia, cercando di creare situazioni intime e romantiche, come ad esempio abbracciarsi, tenersi per mano o sfiorarsi i piedi. Per evitare queste situazioni sono assolutamente da bandire distrazioni come possono essere gli smartphone: è bene lasciarli lontani dal letto.
2) Ridurre le distanze: un altro indizio molto indicativo di possibili crisi di coppia è quando i partner dormono a una certa distanza. Anche in questo caso, la distanza fisica implica anche una certa distanza simbolica all'interno della coppia e va quindi ridotta. Kate Taylor spiega: «Il contatto fisico è necessario, dormire abbracciati ad esempio provoca il rilascio di un ormone importante come l'ossitocina».
3) Sincronizzare gli orari: un altro indizio, apparentemente privo di importanza, può riguardare le abitudini all'interno della coppia. Se un partner è 'nottambulo' e l'altro invece tende ad andare a dormire e a svegliarsi presto, la distanza simbolica può aumentare, ovviamente anche a discapito dell'intimità. L'unica soluzione, in questo caso, è un compromesso tra le parti: entrambi dovranno venirsi incontro e modificare gli orari, ove possibile, in modo da passare più tempo insieme a letto (e non solo per dormire).
Mercoledì 25 Ottobre 2017 - Ultimo aggiornamento: 15:36
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
DALLA HOME