Funghi cinesi venduti come chiodini: scatta il sequestro di 1700 chili

Funghi cinesi venduti come chiodini: scatta il sequestro di 1700 chili

Sequestro di funghi «cinesi» spacciati per funghi chiodini e di oltre quattromila ettolitri di vino bianco. Il Nucleo Antifrodi Carabinieri di Salerno, in collaborazione con personale dell'Ispettorato Centrale Repressione Frodi di Bari, a seguito di accertamenti nelle province di Napoli e Foggia, ha sequestrato 1.770 kg di funghi confezionati in barattoli di latta e in vasetti di vetro con la dicitura «funghi chiodini» mentre, in realtà, si trattava della varietà «pholiota mutabilis nameko», di origine cinese e 4.300 ettolitri di vino bianco (pari a circa 464 tonnellate di prodotto) per un valore di 500mila euro, tenuto in eccedenza rispetto alla giacenza contabile e non giustificato da alcuna documentazione. Sono state sequestrate anche 6.500 etichette e sono state elevate sanzioni per 200mila euro. I controlli - finalizzati al contrasto delle frodi nel comparto agroalimentare - hanno evitato che sulle tavole dei consumatori arrivassero prodotti che avrebbero arrecato un potenziale danno alla salute e un inganno alla generalità degli utenti.
Martedì 31 Ottobre 2017 - Ultimo aggiornamento: 14:30
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
DALLA HOME